Centro funzionale
Notizie

21 gennaio 2022 - Manto nevoso stabile, pericolo 1 Debole per il fine settimana
Continuano le condizioni di alta pressione anche per il fine settimana, determin...

18 gennaio 2022 - Sequenziamento acque reflue: la variante Omicron è dominante in tutta la regione
Prosegue da parte di Arpa Piemonte il monitoraggio della diffusione del SARS-CoV...

18 gennaio 2022 - Qualità dell'aria nel 2021: il biossido di azoto
Ad integrazione della notizia sullo stato di qualità dell’aria nel 2021 sul terr...

14 gennaio 2022 - Manto nevoso stabile, ma presenti alcuni punti pericolosi
L'assenza di nuove nevicate mantiene condizioni di innevamento fortemente defici...

13 gennaio 2022 - Portale acque: ricercare e scaricare i dati oggi è più semplice
 Il Portale delle acque è disponibile sul Geoportale di Arpa Piemonte dal 2017. ...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

14/01/2022 E' online il video bollettino valanghe per il periodo 22-23 gennaio 2022

19/03/2020 E' on-line il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 21-22 marzo 2020


19/11/2019 Disponibile il Rendiconto nivometrico della stagione invernale 2018/2019


Tematismi » Meteo » Osservazioni in tempo reale » Radiometro
 

Andamento delle temperature

Nelle immagini sono evidenziati rispettivamente l'andamento della temperatura nelle ultime 24 ore alle varie quote (da 0 a 2000 metri sopra il livello del MTP5), e l'ultimo profilo istantaneo di temperatura rispetto alla quota. I dati sono aggiornati ogni ora.

Profilo istantaneo di temperatura

_blank

RADIOMETRO MTP5 Approfondimenti

In Corso Stati Uniti, a Torino, è installato il radiometro MTP5 di ARPA Piemonte : si tratta di uno strumento che misura un profilo di temperatura dell’aria fino a 2.000 metri di quota. Mediante un sistema a microonde passivo, è possibile ricavare la temperatura a differenti quote, con una risoluzione di 50 metri e ad intervalli temporali di 10 minuti.
Questa strumentazione, che riesce a definire le condizioni di stabilità nella prima parte di atmosfera, viene spesso utilizzata per studiare la dispersione degli inquinanti, oltre che per effettuare previsioni meteorologiche più precise in ambito urbano.