Centro funzionale
Notizie

10 dicembre 2018 - Evento alluvionale 21-25 novembre 2016: la pubblicazione
A due anni dall’evento alluvionale che a novembre del 2016 colpì il Piemonte con...

7 dicembre 2018 - Pericolo valanghe in aumento per venti burrascosi e nevicate
Dopo le precipitazioni di inizio settimana con episodi di pioggia su neve fino a...

6 dicembre 2018 - Weekend con il vento. Il video per l’escursionista
Nel fine settimana le correnti in quota si disporranno da nordovest, determinand...

5 dicembre 2018 - Arpa Piemonte fornisce nuovi servizi per la stima dei consumi energetici
Con l'inizio della stagione termica, periodo in cui è possibile accendere gli im...

4 dicembre 2018 - Protocollo d'intesa per l'attivazione del Contratto di Lago per il Cusio
Arpa Piemonte ha sottoscritto un protocollo di intesa per l'attivazione di un co...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

06/12/2018 E' online il nuovo VIDEO sulla situazione meteorologica per il fine settimana dell' 8-9 dicembre 2018 sulle montagne piemontesi


07/12/2018 E' online il video bollettino valanghe per il fine settimana dell'8-9 dicembre 2018

06/07/2018 Realizzato un nuovo servizio di 'richiesta automatica dei dati idro-meteorologici orari'

15/11/2017 Consultabile il 'Rendiconto nivometrico' della stagione invernale 2016-2017

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata >


Tematismi » Clima » Impatti » Pollini
 

Pollini e clima

Lo studio degli andamenti della concentrazione dei pollini in atmosfera rappresenta un valido strumento per valutare la data di comparsa del polline e la durata della fase di fioritura. Tali informazioni assumono significato e rilevanza qualora disponibili a livello regionale nell’ambito di una rete di monitoraggio aerobiologico costituita da stazioni considerate rappresentative per diverse realtà territoriali e ambientali. Poiché i dati pollinici e le loro variazioni temporali sono influenzate da fattori meteorologici, e in particolare dalla temperatura dell’aria, il monitoraggio del polline aerodisperso può diventare un’importante indicatore delle variazioni climatiche in atto.

I dati pollinici diventano quindi particolarmente interessanti quando possono venire letti congiuntamente ai parametri derivanti da centraline meteorologiche rappresentative della meteorologia locale. In questo modo una volta individuati e calcolati idonei parametri di pollinazione, sarà possibile analizzarli in relazione ai fattori climatici e rilevarne eventuali variazioni in corrispondenza di anomalie termiche, evidenziando così possibili tendenze verso l’anticipo o il posticipo della pollinazione.

ARPA Piemonte, che gestisce la rete regionale di monitoraggio pollinico e la rete meteorologica regionale, già da alcuni anni analizza l’andamento stagionale di specifici parametri pollinici letti in funzione delle condizioni climatiche, relativamente a determinati taxa.

Nell'ambito del progetto interreg Italia-Svizzera, Biodiversità: una ricchezza da conservare, promosso dalla provincia di Verbania, in collaborazione con il Parco regionale del Lago Maggiore e del Parco nazionale della Val Grande, Arpa Piemonte ha messo a punto una prima serie di attività per analizzare, controllare le tendenze e modellizzare l'evoluzione di alcuni aspetti dell'ecosistema alpino delle Alpi Pennine orientali e Lepontine in risposta alla variabilità climatica e nel contempo dare un contributo allo sviluppo delle conoscenze scientifiche sulla biodiversità.
Al fine di utilizzare le misure di pollinazione unitamente a quelle meteorologiche come indicatore delle anomalie climatiche sono utilizzati i dati delle stazioni di monitoraggio aerobiologico di Omegna (295 m s.l.m.) e di Visp (650 m s.l.m.), ubicata nel Canton Vallese, in quanto prossime all’area di studio del progetto.

      Le stazioni aerobiologiche di Omegna e Visp

Sono stati elaborati i dati aerobiologici relativi a quattro diversi taxa (Corylus, Platanus, Castanea e Betula) per i quali sono stati calcolati i principali parametri di pollinazione, mentre solo per il Corylus (un taxa a fioritura precoce che sembra essere maggiormente influenzato dalle temperature) è stata effettuata un’analisi di correlazione statistica tra i dati meteorologici e pollinici.
Per tale taxa è stata verificata l’esistenza di una correlazione significativa tra l’inizio della pollinazione e la temperatura dei mesi precedenti (“chilling requirement”); anche le somme termiche annuali hanno evidenziato un aumento in corrispondenza dell’anticipo di pollinazione.
 

Figura 2 sin  Figura 2 dx

 

Somme termiche (°C in ordinata) per le stazioni di Omegna e Visp dal 2000 al 2011.

Per somma termica si intende la sommatoria delle differenze tra la temperatura media giornaliera e lo zero di vegetazione del Corylus (6°C).

Inizio PPP: inizio periodo principale di pollinazione

In generale l’analisi delle misure di pollinazione, e in particolare l’inizio, ha dimostrato di essere valida e indicativa per monitorare gli effetti delle anomalie di temperatura.
Per maggiori approfondimenti è possibile consultare la pubblicazione “Clima e biodiversità- Esperienze di monitoraggio in ambiente alpino”, realizzata nell’ambito del Programma Interreg di collaborazione transfrontaliera Italia-Svizzera 2007-2013. Progetto Biodiversità una ricchezza da conservare.
La pubblicazione è scaricabile dal sito di Arpa Piemonte all’indirizzo:
http://www.arpa.piemonte.it/pubblicazioni-2/pubblicazioni-anno-2012/clima-e-biodiversita.-esperienze-di-monitoraggio-in-ambiente-alpino