Centro funzionale
Notizie

10 dicembre 2018 - Evento alluvionale 21-25 novembre 2016: la pubblicazione
A due anni dall’evento alluvionale che a novembre del 2016 colpì il Piemonte con...

7 dicembre 2018 - Pericolo valanghe in aumento per venti burrascosi e nevicate
Dopo le precipitazioni di inizio settimana con episodi di pioggia su neve fino a...

6 dicembre 2018 - Weekend con il vento. Il video per l’escursionista
Nel fine settimana le correnti in quota si disporranno da nordovest, determinand...

5 dicembre 2018 - Arpa Piemonte fornisce nuovi servizi per la stima dei consumi energetici
Con l'inizio della stagione termica, periodo in cui è possibile accendere gli im...

4 dicembre 2018 - Protocollo d'intesa per l'attivazione del Contratto di Lago per il Cusio
Arpa Piemonte ha sottoscritto un protocollo di intesa per l'attivazione di un co...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

06/12/2018 E' online il nuovo VIDEO sulla situazione meteorologica per il fine settimana dell' 8-9 dicembre 2018 sulle montagne piemontesi


07/12/2018 E' online il video bollettino valanghe per il fine settimana dell'8-9 dicembre 2018

06/07/2018 Realizzato un nuovo servizio di 'richiesta automatica dei dati idro-meteorologici orari'

15/11/2017 Consultabile il 'Rendiconto nivometrico' della stagione invernale 2016-2017

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata >


Tematismi » Clima » Impatti » Clima e incendi boschivi
 

Clima e incendi boschivi

Le proiezioni del cambiamento climatico nel corso del XXI secolo sono particolarmente severe per l’area alpina. Un’attenta valutazione dell’entità di questo fenomeno è stata effettuata con tecniche Multimodel, che permettono di correggere gli errori più grossolani dei modelli climatici (anche ad area limitata) ed adattarli alle peculiarità dell’area alpina (clicca qui per approfondimenti).
La valutazione degli effetti del cambiamento climatico nel passato e nello scenario futuro sugli incendi boschivi è stata effettuata sulla griglia seguente:


Figura 1: l'area di studio con l'altitudine media dei punti griglia (a sinistra) e le cinque macro-aree di aggregazione dei punti griglia

 

Le reanalisi e gli scenari ottenuti con Multimodel SuperEnsemble, in particolare con l'uso di analisi ad alta risoluzione, consentono una migliore caratterizzazione delle variazioni di temperatura nella zona alpina, con le differenze tra le regioni montane e pianura. La proiezione nel campo delle precipitazioni presenta cambiamenti meno significativi.

Nel periodo 1961-2000 il numero di incendi è correlato con la temperatura e tra gli indici concorda meglio con Fine Fuel Moisture Code (FFMC), cioè l’indice di umidità dei combustibili fini. Questo risultato è sorprendentemente buono, perché in Piemonte 95% degli incendi hanno una causa di origine antropica, e le statistiche degli incendi dipendono anche dai cambiamenti di uso del suolo nel periodo considerato. Abbiamo controllato anche l'accordo di alti valori di occorrenze FFMC e fuoco alla scala dei punti griglia (non illustrato).



Figura 2: confronto delle tendenze del numero totale di incendi osservati con la temperatura (in alto) e FFMC (in basso) sul Piemonte.

 

La procedura è stata ripetuta per l'intero Piemonte e climatiche omogenee macro-regioni (fig. 1), su dati annuali e stagionali (DJF: inverno; MAM: primavera; JJA: estate; SON: autunno). I risultati sono elencati nella tabella 1.


 

Tabella 2: variazione della frequenza della soglia del 50 ° e 90 ° percentile di FFMC osservato nel periodo 1981-2000 nello scenario, periodo 2031-2050.

 

Tutte le variazioni sono positive, indicando un crescente potenziale di fuoco nello scenario futuro. La statistica non parametrica applicata consente di apprezzare grandi differenze tra il comportamento della mediana della distribuzione e suoi estremi: la "condizione potenziale fuoco mediano" nella proiezione aumenta del 30% ovunque, ma le condizioni di "grave" quasi raddoppia nello scenario ovunque tranne che nel sud e sulle pianure.
Guardando le differenze stagionali, l'incremento più grande è previsto durante l'estate, indicando un'estensione della stagione di fuoco, che attualmente è principalmente limitata alla stagione non vegetativa (dicembre - aprile).