Centro funzionale
Notizie

13 novembre 2018 - Snpa ha collaborato al Rapporto Ecosistema Urbano di Legambiente
Lo scorso 29 ottobre a Milano Legambiente ha presentato l'edizione 2018 dell'Eco...

9 novembre 2018 - Cavallermaggiore: monitoraggio della qualità dell’aria
È iniziato l’8 novembre un monitoraggio della qualità dell’aria nel comune di Ca...

8 novembre 2018 - Fine settimana tipicamente autunnale con cielo grigio e piogge; più asciutto domenica con ampie schiarite nel pomeriggio. Il video per l’escursionista
Una saccatura atlantica continua a convogliare flussi umidi sudoccidentali sul P...

8 novembre 2018 - Allerta gialla per precipitazioni intense sugli Appennini
Un minimo di pressione sul mar Tirreno convoglia aria umida e instabile verso la...

7 novembre 2018 - Qualità dell'aria a Novara: di nuovo in funzione la centralina fissa di via Verdi
La stazione fissa per il monitoraggio della qualità dell'aria di Novara, in via ...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

08/11/2018 E' online il nuovo VIDEO sulla situazione meteorologica per il fine settimana del 10 e 11 novembre 2018 sulle montagne piemontesi


06/07/2018 Realizzato un nuovo servizio di 'richiesta automatica dei dati idro-meteorologici orari'

20/04/2018 E' online l'ultimo video con le indicazioni di carattere generale sulla primavera 2018

15/11/2017 Consultabile il 'Rendiconto nivometrico' della stagione invernale 2016-2017

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata >


Approfondimenti » Vigilanza Meteo » Incendi boschivi » FWI
 

Descrizione dell'FWI e dei suoi sottoindici

Il combustibile, la topografia e le condizioni meteorologiche sono tre componenti che interagiscono tra di loro; la somma delle loro interazioni determina il comportamento dell’incendio.

La quantità di combustibile, atta a bruciare, dipende dall’umidità del combustibile, che è legata all’umidità relativa atmosferica ed alla precipitazione, passata e presente; quindi le condizioni meteorologiche agiscono direttamente sul comportamento dell’incendio (innesco, dispersione ed estinzione).

 

 

L’indice FWI fornisce una indicazione della possibilità di innesco di un incendio in base allo stato di idratazione degli strati di combustile forestali e dalla variabilità climatica in atto.

 

Il sistema è costituito da sei componenti: tre sottoindici primari (FFMC, DMC, DC) rappresentano l’umidità del combustibile e seguono i cambiamenti giornalieri dei contenuti di umidità di tre classi di combustibile con diversi tassi di essiccamento; due sottoindici intermedi (ISI, BUI) rappresentano il tasso di dispersione ed il consumo del combustibile disponibile; l’indice finale (FWI) rappresenta l’intensità dell’incendio come tasso di energia uscente per unità di lunghezza del fronte dell’incendio.


Le sue componenti sono ottenute ogni giorno sulla base di osservazioni meteorologiche registrate alle ore 12 UTC da stazioni meteorologiche: temperatura, umidità relativa, velocità del vento e precipitazione cumulata nelle 24 ore precedenti.
I 3 codici di umidità del combustibile possono essere in fase di bagnamento (aggiungono umidità al combustibile dopo se piove) o in fase di essiccamento (sottraggono umidità al combustibile per ciascun giorno secco).

  • “Fine Fuel Moisture Code” (FFMC) è un indicatore numerico del contenuto idrico dei combustibili fini e riflette la facilità con cui si infiammano.
  • “Duff Moisture Code” (DMC) è un indicatore numerico del contenuto idrico medio degli strati organici moderatamente profondi compattatati grossolanamente.
  • “Drought Code” (DC) rappresenta lo strato profondo di materia organica compattata.
  • “Initial Spread Index” (ISI) è una combinazione di vento e FFMC e rappresenta il tasso di dispersione senza l’influenza delle quantità variabili del combustibile.
  • “Buildup Index” (BUI) è una combinazione pesata di DMC e DC, media armonica dei contenuti di umidità dei due strati più profondi di combustibile.
  • “Fire Weather Index” (FWI) combina l’informazione derivata da ISI e BUI, fornendo una stima numerica del grado di pericolo d’incendio più probabile.