Centro funzionale
Notizie

14 gennaio 2019 - Livelli di PM10 nel 2018: per la prima volta il valore limite della media annuale rispettato in tutto il Piemonte
Da una prima valutazione dei dati di PM10 misurati nell’anno appena trascorso, d...

11 gennaio 2019 - Risultati sondaggio CLIMAERA
Sono disponibili i risultati relativi al sondaggio "Essere protagonisti dell'ari...

11 gennaio 2019 - Pericolo valanghe due moderato sulle Alpi settentrionali, uno debole altrove
A caratterizzare la settimana sono state correnti fredde e secche che da mercole...

10 gennaio 2019 - Weekend con vento e condizioni di foehn. Il video per l’escursionista
Il fine settimana del 12 e 13 gennaio sarà caratterizzato da forte vento in quot...

10 gennaio 2018 - Galaverna ieri in alcune zone dell'alessandrino
Nella giornata di ieri 9 gennaio, si è osservato, in più parti dell’alessandrino...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

10/01/2019 E' online il nuovo VIDEO sulla situazione meteorologica per il fine settimana del 12-13 Gennaio 2019 sulle montagne piemontesi


11/01/2019 E' online il video bollettino valanghe per il fine settimana del 12-13 gennaio 2019

21/12/201 Avviato progetto MISTRAL per la realizzazione del portale della meteorologia italiana

06/07/2018 Realizzato un nuovo servizio di 'richiesta automatica dei dati idro-meteorologici orari'

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata


Approfondimenti » Vigilanza Meteo » Incendi boschivi » FWI
 

Descrizione dell'FWI e dei suoi sottoindici

Il combustibile, la topografia e le condizioni meteorologiche sono tre componenti che interagiscono tra di loro; la somma delle loro interazioni determina il comportamento dell’incendio.

La quantità di combustibile, atta a bruciare, dipende dall’umidità del combustibile, che è legata all’umidità relativa atmosferica ed alla precipitazione, passata e presente; quindi le condizioni meteorologiche agiscono direttamente sul comportamento dell’incendio (innesco, dispersione ed estinzione).

 

 

L’indice FWI fornisce una indicazione della possibilità di innesco di un incendio in base allo stato di idratazione degli strati di combustile forestali e dalla variabilità climatica in atto.

 

Il sistema è costituito da sei componenti: tre sottoindici primari (FFMC, DMC, DC) rappresentano l’umidità del combustibile e seguono i cambiamenti giornalieri dei contenuti di umidità di tre classi di combustibile con diversi tassi di essiccamento; due sottoindici intermedi (ISI, BUI) rappresentano il tasso di dispersione ed il consumo del combustibile disponibile; l’indice finale (FWI) rappresenta l’intensità dell’incendio come tasso di energia uscente per unità di lunghezza del fronte dell’incendio.


Le sue componenti sono ottenute ogni giorno sulla base di osservazioni meteorologiche registrate alle ore 12 UTC da stazioni meteorologiche: temperatura, umidità relativa, velocità del vento e precipitazione cumulata nelle 24 ore precedenti.
I 3 codici di umidità del combustibile possono essere in fase di bagnamento (aggiungono umidità al combustibile dopo se piove) o in fase di essiccamento (sottraggono umidità al combustibile per ciascun giorno secco).

  • “Fine Fuel Moisture Code” (FFMC) è un indicatore numerico del contenuto idrico dei combustibili fini e riflette la facilità con cui si infiammano.
  • “Duff Moisture Code” (DMC) è un indicatore numerico del contenuto idrico medio degli strati organici moderatamente profondi compattatati grossolanamente.
  • “Drought Code” (DC) rappresenta lo strato profondo di materia organica compattata.
  • “Initial Spread Index” (ISI) è una combinazione di vento e FFMC e rappresenta il tasso di dispersione senza l’influenza delle quantità variabili del combustibile.
  • “Buildup Index” (BUI) è una combinazione pesata di DMC e DC, media armonica dei contenuti di umidità dei due strati più profondi di combustibile.
  • “Fire Weather Index” (FWI) combina l’informazione derivata da ISI e BUI, fornendo una stima numerica del grado di pericolo d’incendio più probabile.