Centro funzionale
Notizie

22 febbraio 2018 - Tempo perturbato e calo delle temperature nel weekend. Il video per l’escursionista
E’ atteso un weekend perturbato con calo delle temperature, a causa di un minimo...

22 febbraio 2018 - Allerta gialla per neve nel cuneese
Una circolazione depressionaria centrata sul mare Tirreno rimarrà stazionaria fi...

21 febbraio 2018 - 2017 molto caldo e secco
Il 2017 in Piemonte è stato il 3° anno più caldo degli ultimi 60 anni, con un’an...

21 febbraio 2018 - Dal fine settimana brusco calo delle temperature
Un minimo depressionario di origine polare è presente sul Tirreno e caratterizze...

20 febbraio 2018 - Fiume Bormida: indagine 2017 post alluvione
Nel corso del 2017 Arpa Piemonte ha condotto uno studio approfondito sulla salut...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

16/02/2018 E' online l'ultimo video sulle condizioni nivo-valanghive in Piemonte per il fine settimana del 17-18 febbraio 2018

22/02/2018 E' online il nuovo VIDEO aggiornato con le previsioni meteorologiche per il fine settimana del 24-25 febbraio 2018 in Piemonte


15/11/2017 Consultabile il 'Rendiconto nivometrico' della stagione invernale 2016-2017

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata >

08/09/2017 Disponibili gli ultimi aggiornamenti della Banca Dati Meteorologica e della Banca Dati Idrologica

03/05/2017 Aggiornate le elaborazioni dei Aggiornate le elaborazioni dei GRADI GIORNO relativi al semestre ottobre 2016 / aprile 2017
GRADI GIORNO relativi al semestre ottobre 2016 / aprile 2017


Rischi » Terremoti » Ultimi terremoti » Mappa gis ultimi terremoti
 

Mappa GIS degli ultimi terremoti

Nella mappa sono rappresentati i terremoti rilevati dalla rete sismica regionale dell'Italia nord-occidentalerete sismica regionale negli ultimi 30 giorni con epicentro localizzato in prossimità del Piemonte, tra 6.0° e 10.0° Est di longitudine e tra 43.5° e 47.0° Nord di latitudine.

Si vedano le note sui dati sismici forniti in calce alla mappa.

Aggiornamento dati: 22-02-2018 alle ore 06:28 UTC

Per l'intervallo di tempo selezionato sono disponibili in mappa:
# terremoti con dati automatici (ML≥2.5);
# terremoti con dati rivisti (ML≥1.0).
Intervallo di tempo da visualizzare: ultime 6 ore ultime 24 ore ultimi 7 giorni ultimi 30 giorni
Simboli colorati in funzione di: tempo trascorso profondità magnitudo

Legenda Indicazioni mappa Riquadro dati selezione

Ultimo elemento selezionato: X
ID evento:
Data:
Magnitudo:
Profondità:
Epicentro:
Distretto:
Max gap azimutale:
Elaborazione dati:

terremoti selezionati - dati automatici :
terremoti selezionati - dati rivisti :

Note sui dati sismici forniti

I dati riportati sono i risultati delle elaborazioni effettuate nell'ambito dell'attività quotidiana di monitoraggio della sismicità regionale Approfondimenti, qui presentati a fini informativi e divulgativi e destinati a utenti qualificati per una loro corretta interpretazione. I valori forniti cosituiscono le migliori stime ottenute dall'analisi dei dati disponibili al momento dell'elaborazione e possono essere rivisti ed aggiornati in funzione della disponibilità di nuovi dati e nuove informazioni.

I dati riportati sono relativi a terremoti di magnitudo locale maggiore o uguale a 1.0 rivisti manualmente.

Per terremoti di magnitudo maggiore o uguale a 2.5 ML sono pubblicati, entro pochi minuti dall'evento, i dati elaborati in automatico in tempo quasi-reale dalle procedure operative della rete sismica. I dati automatici vengono sostituiti da quelli risulanti dalla revisione manuale non appena siano disponibili.

 

Il tempo origine indica il momento in cui è iniziata la rottura lungo la superficie di faglia.

I tempi sono espressi secondo il fuso orario di riferimento UTC.
Le coordinate geografiche dell'epicentro sono riferite al datum WGS84.
La profondità dell'ipocentro indica la distanza dalla superficie terrestre del punto in cui è iniziata la rottura lungo la superficie di faglia.

La grandezza del terremoto è caratterizzata tramite la stima di magnitudo calcolata usualmente secondo la scala di magnitudo locale (ML) utilizzata dalle procedure operative della rete sismica regionale dell'Italia nord-occidentalerete sismica regionale.