Centro funzionale
Notizie

19 aprile 2019 - Pericolo valanghe in aumento per riscaldamento diurno
Dopo le deboli nevicate dello scorso fine settimana, le condizioni meteorologich...

18 aprile 2019 - Week-end di Pasqua soleggiato. Il video per l'escursionista
L'alta pressione sull'Italia regalerà un fine settimana di Pasqua in gran parte ...

18 aprile 2019 - Un flash mob per il clima
Ieri mattina è stato organizzato un flash mob alla stazione ferroviaria di Porta...

12 aprile 2019 - Pericolo valanghe in aumento: fino a 3-Marcato
Dal pomeriggio di martedì il Piemonte è stato interessato da nuove precipitazion...

11 aprile 2019 - Weekend instabile e perturbato. Il video per l'escursionista
Il finesettimana sul Piemonte sarà caratterizzato dalla discesa di una fredda pe...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

19/04/2019 E' online il video bollettino valanghe per il fine settimana Pasquale 2019

18/04/2019 E' online il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana di Pasqua 2019 sulle montagne piemontesi


21/12/2018 Avviato progetto MISTRAL per la realizzazione del portale della meteorologia italiana

06/07/2018 Realizzato un nuovo servizio di 'richiesta automatica dei dati idro-meteorologici orari'

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata


Approfondimenti » Vigilanza Meteo » Incendi boschivi » Livelli pericolo
 

Livelli di pericolo

L’output dell’indice FWI è un valore numerico che, al fine di rendere esecutiva la previsione del pericolo incendio, deve essere identificato con un livello di pericolo. Per questo motivo i valori di FWI devono essere rapportati con il livello di pericolo incendio ottenuto utilizzando una suddivisione in classi.


Ai fini operativi è stato deciso di suddividere il pericolo in 5 LIVELLI:

• molto basso

• basso

• moderato

• elevato

• molto elevato

 

 

Le soglie di FWI, che definiscono le classi, sono state stabilite utilizzando la metodologia descritta da Van Wagner (1987).
I dati di partenza, utilizzati per la definizione delle classi di allerta, sono i valori storici di FWI calcolati a partire dai dati di temperatura, umidità relativa, velocità del vento e precipitazione cumulata registrati giornalmente alle 12 UTC e relativi periodo 2002-2006. All'interno della sequenza di FWI ottenuta, si deve decidere il numero di giorni che dovrebbero essere permessi in una stagione in media, in cui il rischio incendi sia “molto elevato” ed impostare il limite più basso della classe “molto elevato”.

 

 

 

 

 

 

 

    Vai alle mappe del pericolo previsto