Centro funzionale
Notizie

19 gennaio 2021 - Brinate diffuse sulla pianura piemontese
Nella giornata di ieri i fenomeni nebbiosi hanno interessato diversi settori del...

5 gennaio 2021 - Polveri sottili PM10: prime valutazioni dei dati del 2020
Da una prima valutazione dei dati sulle misure delle polveri PM10 misurati nell’...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

13/03/2020 E' online il video con le attività del Servizio Nivologico di Arpa Piemonte durante l'emergenza sanitaria

19/03/2020 E' on-line il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 21-22 marzo 2020


19/11/2019 Disponibile il Rendiconto nivometrico della stagione invernale 2018/2019


Tematismi » Clima » Sguardo » Precipitazioni
 

Precipitazioni

Confronto e valutazione globale dell'andamento previsto delle precipitazioni su Piemonte ed Europa per i prossimi mesi.

 

AGGIORNATO al 6 Novembre 2020

 

Anomalia delle precipitazioni cumulate previste (mappe mensili del ECMWF)

Novembre 2020

Dicembre 2020

Gennaio 2021

 

  Novembre 2020Dicembre 2020Gennaio 2021
ECMWF  
NOAA     =


Come descritto nel paragrafo delle temperature, a Novembre una pressione più alta della media su tutta l’Europa centrale manterrebbe tempo stabile su buona parte del continente, Italia e Piemonte compresi. Così entrambi i modelli in tabella sono concordi nel dare un’anomalia pluviometrica negativa per questo mese.

Viceversa, le precipitazioni mancanti a Novembre potrebbero arrivare nel prossimo futuro, andando verso Dicembre, quando un’anomalia barica negativa sull’Europa occidentale favorirebbe una maggiore instabilità sull’area. L’anomalia barica negativa al suolo centrata sul Mediterraneo occidentale potrebbe portare buone precipitazioni proprio sull’Italia. Sul Piemonte i segnali indicati in tabella arrivano ad un debole ‘’ solo per ECMWF: tuttavia per entrambi i modelli c’è un netta inversione di tendenza rispetto al mese precedente.

L’instabilità di Dicembre sembra ridursi rapidamente per il mese di Gennaio, quando la saccatura atlantica sembra tornare a ritirarsi su latitudini più settentrionali, sul nord-ovest d’Europa sia in quota sia al suolo: questo disegno lascerebbe dedurre che il Piemonte si verrebbe a trovare sotto correnti sudoccidentali, ancora relativamente miti (come descritto nel paragrafo delle temperature) e in parte umide, ma più stabili, sotto la protezione di una pressione più alta protesa dall’Europa orientale: magari solo sui rilievi alpini l’aiuto dell’effetto orografico (sotto il flusso da sudovest) potrebbe continuare a favorire locali precipitazioni.

 

  N-D-GD-G-FG-F-M
ECMWF = =
MET Office =
IRI =
NOAA   =

 

Su base trimestrale mobile, nella consueta difficoltà di raccogliere un’indicazione comune dai segnali dei diversi modelli, come per le temperature anche per le precipitazioni, sembra prevalere la tendenza al rialzo nel corso dei trimestri, perché, dopo un primo trimestre (di fine Autunno / inizio Inverno) asciutto sostanzialmente per tutti i modelli in tabella, le precipitazioni potrebbero aumentare nel prosieguo dei trimestri successivi (quindi lungo il seguito della stagione invernale). L’arrivo di maggiori precipitazioni, parallelo all’arrivo di aria anche più calda (atteso nel paragrafo delle temperature), potrebbe verosimilmente essere associato a correnti instabili meridionali (miti e umide), che manterrebbero così le nevicate invernali solo (prevalentemente?!) in quota. Chissà...

Vai alle Temperature