Centro funzionale
Notizie

19 gennaio 2021 - Brinate diffuse sulla pianura piemontese
Nella giornata di ieri i fenomeni nebbiosi hanno interessato diversi settori del...

5 gennaio 2021 - Polveri sottili PM10: prime valutazioni dei dati del 2020
Da una prima valutazione dei dati sulle misure delle polveri PM10 misurati nell’...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

13/03/2020 E' online il video con le attività del Servizio Nivologico di Arpa Piemonte durante l'emergenza sanitaria

19/03/2020 E' on-line il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 21-22 marzo 2020


19/11/2019 Disponibile il Rendiconto nivometrico della stagione invernale 2018/2019


Tematismi » Clima » Sguardo » Temperature
 

Temperature

Confronto e valutazione globale dell'andamento previsto delle temperature medie su Piemonte ed Europa per i prossimi mesi.

 

AGGIORNATO al 6 Novembre 2020

 

Anomalia di temperatura media a 2 metri prevista (mappe medie mensili del ECMWF)

Novembre 2020

Dicembre 2020

Gennaio 2021

 

  Novembre 2020 Dicembre 2020 Gennaio 2021
ECMWF =
NOAA   =

 

Secondo le previsioni stagionali di questo mese, Novembre avrà un’anomalia termica, media-mensile, positiva sul Piemonte come anche su buona parte d’Europa; ci sono segnali negativi solo a ovest sull’Atlantico e sulle relative coste dell’Europa occidentale e a est verso l’area balcanica.

Lungo tutte le longitudini centrali dell’Europa, dal sud del Mediterraneo (nord-Africa) fino alla Scandinavia, una predominanza anticiclonica, con pressione superiore alla media sia in quota sia al suolo, mantiene temperature miti oltre la norma, con condizioni atmosferiche stabili.

A Dicembre potrebbe arrivare un calo termico: anche senza mai raggiungere un’anomalia mensile negativa, comunque il ‘caldo anomalo’ mostra un’evidente attenuazione (in particolare per ECMWF), riportando le temperature più vicine alla norma del periodo.

Infatti, corrispondentemente, la configurazione barica media a grande scala (sinottica) presenta un netto calo dei valori di pressione, anche con un’anomalia barica negativa sul centro-Europa: intorno alla Francia in quota e anche più a sud, intorno al Mediterraneo occidentale, al suolo. Questo lascerebbe supporre un cambio della circolazione atmosferica, con una maggiore avanzata della saccatura atlantica verso l’Europa e quindi condizioni più instabili e fresche dall’Europa occidentale fino anche alla parte più centrale del continente.

Il calo termico di Dicembre potrebbe poi essere solo temporaneo, se a Gennaio le temperature torneranno a ‘riscaldarsi relativamente, come prospetta il modello ECMWF.

 

  N-D-GD-G-FG-F-M
ECMWF = = =
MET Office =
IRI =
NOAA =

 

Il nuovo riscaldamento prospettato da Gennaio troverebbe riscontro nelle previsioni su base trimestrale mobile, dove si può scorgere una prevalente tendenza all’aumento lungo i trimestri, perché almeno 2 modelli (Met-Office e NOAA) sui 4 in tabella mostrano un andamento crescente. Solo IRI presenta un andamento opposto che porta verso un raffreddamento nel corso dell’Inverno, mentre per ECMWF è stato indicato un segnale di neutralità in riferimento al Piemonte, perché la previsioni danno anomalia (nettamente) positiva sull’Europa orientale e (quasi) negativa su quella occidentale, lasciando quindi il Piemonte nel mezzo.

Con questi segnali, l’idea che si può azzardare è –inizialmente– di un prosieguo dell’Autunno (e quindi inizio dell’Inverno) fresco, seguito da una stagione invernale che potrebbe ridiventare progressivamente più mite del normale, ancora una volta con temperature superiori alla norma climatologica.

 

Vai alle Precipitazioni