Termovalorizzatore di Torino: il nuovo sito del Programma SPoTT

13 luglio 2021

A partire da oggi, 13 luglio 2021, è disponibile online il nuovo sito del Programma SPoTT, accessibile dal seguente link https://www.spott.dors.it/

Rinnovato nella grafica e nell’organizzazione dei contenuti, per favorire l’accesso e la consultazione della documentazione disponibile, il nuovo sito rappresenta uno spazio per mettere a disposizione della popolazione, della rete sanitaria locale, del mondo dell’associazionismo, degli enti pubblici locali, provinciali e regionali e di quanti interessati al tema tutto il materiale inerente il programma SPoTT: i risultati delle attività, i resoconti delle riunioni del Comitato Tecnico Scientifico (CTS), i protocolli operativi delle diverse linee progettuali; la bibliografia utilizzata per le scelte metodologiche, gli articoli scientifici pubblicati su riviste nazionali ed internazionali e documentazione varia sul tema.

SPoTT (Sorveglianza sulla salute della Popolazione nei pressi del Termovalorizzatore di Torino) è un programma di monitoraggio della salute dei residenti nelle aree circostanti il termovalorizzatore di Torino, attivato nel 2013 a seguito della costruzione di uno dei più grandi impianti per combustione di rifiuti presenti in Europa.
Attraverso studi epidemiologici e di biomonitoraggio, SPoTT permette di descrivere le possibili relazioni tra fattori di rischio ambientali e patologie specifiche, ponendo attenzione anche a un possibile assorbimento di sostanze contaminanti.
L’esistenza di margini di incertezza riguardanti gli effetti sanitari delle attività umane può generare nei cittadini preoccupazione, a volte allarme, e induce a chiedere maggiori conoscenze e maggiore controllo. Per questi motivi, il Programma SPoTT prevede di informare tempestivamente tutti coloro che sono interessati a saperne di più, utilizzando lo spazio offerto dal nuovo sito.

A gennaio 2020 è stato avviato SPoTT-2, la seconda fase del Programma SPoTT le cui attività si articolano in 10 linee progettuali che si svolgono nell’arco temporale di tre anni e si concluderanno nel 2023.

Le principali novità di SPoTT-2, rispetto allo studio precedente, riguardano l’approfondimento di alcuni aspetti tra i quali:

  • una linea di modellistica per calcolare le aree di dispersione degli inquinanti non sui valori teorici riportati nell’Autorizzazione Integrata Ambientale, ma sulle concentrazioni reali misurate a camino;
  • una linea dedicata agli alimenti che prevede in particolare la ricerca e caratterizzazione delle diossine nelle uova di gallina;
  • una linea specifica sulle deposizioni al suolo di mercurio, metallo per il quale, negli scorsi anni, si sono verificate delle anomalie nelle emissioni.

Rimangono confermate un’attività di monitoraggio sulla salute dei cittadini residenti intorno all’impianto attraverso uno studio di biomonitoraggio, la sorveglianza dei lavoratori.

Il coordinamento della seconda fase del Programma SpoTT è affidato ad Arpa Piemonte.
La coordinatrice è Cristiana Ivaldi, responsabile dell'Epidemiologia Ambientale dell'Agenzia, che gestisce inoltre le linee di attività di monitoraggio epidemiologico degli effetti sulla salute dei residenti nei pressi del termovalorizzatore a breve e lungo termine.
Lo studio modellistico degli inquinanti in atmosfera è affidata alla Struttura Rischi Naturali e Ambientali, mentre il monitoraggio delle deposizioni di mercurio e l’analisi indoor nell’impianto di termovalorizzazione al Dipartimento territoriale di Torino.

Come previsto dal Piano di comunicazione 2020-2023 del Programma, il nuovo sito, che verrà aggiornato regolarmente e con tempestività, rappresenta lo strumento principale attraverso il quale è possibile rimanere aggiornati sull’andamento delle attività, sui risultati e su tutte le novità inerenti il Programma SPoTT.

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it