Rete sismica

Ultima modifica 12 novembre 2013

Nelle Alpi occidentali le prime stazioni sismiche sono state installate negli anni 1960 dall’Università degli Studi di Genova, con il cui supporto scientifico e gestionale è stata sviluppata la rete di stazioni sismiche del Piemonte, fortemente sviluppatasi a partire dai primi anni ‘80 del XX secolo.

Le stazioni sismiche piemontesi fanno dunque parte della rete sismica regionale dell'Italia Nord-Occidentale (RSNI: Regional Seismic network of Northwestern Italy); la rete RSNI è integrata con la rete sismica nazionale italiana (INSN: Italian National Seismic Network), gestita dal Centro Nazionale Terremoti dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) e con le reti sismiche francesi e svizzere presenti nell'area alpina occidentale.

Le stazioni utilizzate dalla rete sismica regionale sono teletrasmittenti in tempo reale presso i centri di elaborazione dati, presso cui inviano segnali a tre componenti, a banda larga e ad alta dinamica.

 

Stazioni sismiche presenti in Piemonte e nelle aree limitrofe

archiviato sotto: ,

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it