Centro funzionale
Notizie

25 febbraio 2021 - Polvere e sabbia dal Sahara: livelli di PM10 elevati anche in montagna
Da martedì scorso il Piemonte è interessato da un fenomeno di trasporto di polve...

25 febbraio 2021 - On line i report emissivi degli impianti sottoposti allo SME del territorio metropolitano
Sono pubblicati i report emissivi, elaborati dal Sistema di Monitoraggio in cont...

24 febbraio 2021 - Coronavirus: accordo SMAT - Arpa Piemonte su monitoraggio acque reflue
Nell’ambito del progetto di Sorveglianza Ambientale dei Reflui urbani in Italia ...

23 febbraio 2021 - Chiazze oleose sul Po: gli esiti delle analisi chimiche
Le analisi chimiche effettute dai laboratori di Arpa sui campioni di acqua del f...

22 febbraio 2021 - Il 2020 è stato il sesto più caldo degli ultimi 63 anni. Il 2 ottobre 2020 il giorno più piovoso dal 1958
L’anno 2020 in Piemonte è stato il 6° più caldo degli ultimi 63 anni, con una te...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

19/02/2021 E' online il videobollettino valanghe per il weekend del 20-21 febbraio 2021

19/03/2020 E' on-line il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 21-22 marzo 2020


19/11/2019 Disponibile il Rendiconto nivometrico della stagione invernale 2018/2019


Approfondimenti » Effetti sulla salute » I raggi ultravioletti » Le lampade abbronzanti
 
I raggi ultravioletti


Le Lampade Abbronzanti

Ci sono due tipi di lampade abbronzanti: le lampade UV fluorescenti a bassa pressione e le lampade UV-A ad alta pressione. Nel primo caso, la radiazione emessa dipende dalla composizione dei sali fluorescenti (fosfori) depositati sulla superficie interna del tubo di quarzo che costituisce l'involucro della lampada. Si tratta di lampade dove avviene una scarica in un gas (vapori di mercurio) a bassa pressione: i vapori di mercurio eccitati dalla scarica emettono radiazione che viene poi convertita dal rivestimento fluorescente della lampada. Le lampade UV-A ad alta pressione contengono, invece, vapori di mercurio e alogenuri metallici. Lo spettro della radiazione emessa comprende le radiazioni UVC, UVB e UVA, visibile e infrarossa. La radiazione viene opportunamente filtrata per eliminare le componenti ultraviolette indesiderate e gli infrarossi in modo tale da emettere solo la componente UV-A (spesso è presente però anche una debole componente di radiazione UV-B). L'intensità della radiazione UVA emessa dalle lampade ad alta pressione può essere anche da 5 a 10 volte superiore al valore massimo di quella solare alla nostra latitudine. La rottura, il deterioramento o la sostituzione con un altro tipo di filtro comporta un cambiamento delle caratteristiche della sorgente radiante e la conseguente possibilità che si verifichino effetti indesiderati e/o danni (eritema, ustioni cutanee).

Lo  Studio

L’indagine condotta dagli esperti dell’Oms (l’analisi di oltre 20 studi epidemiologici realizzata da venti ricercatori di nove Paesi diversi) dimostra che il rischio di melanoma aumenta del 75% se l’uso delle apparecchiature abbronzanti inizia prima dei 30 anni. E risulta altrettanto evidente che le lampade espongono anche a rischi più elevati di melanoma oculare. Tutto ciò rafforza le raccomandazioni dell’Oms di evitare lampade solari e proteggersi dall’esposizione eccessiva al sole.