I controlli di Arpa Piemonte per le piante acquatiche del fiume Po nel tratto cittadino torinese

22 agosto 2019

Arpa Piemonte effettua le attività di sorveglianza sulla presenza della pianta acquatica esotica invasiva Myriophyllum aquaticum lungo il tratto cittadino del fiume Po dal 2016.

Nell'estate del 2016 era stata segnalata la comparsa nel tratto del Po tra il Ponte Vittorio Emanuele ed il Ponte Umberto I, del Myriophyllum aquaticum, una pianta esotica molto invasiva la cui proliferazione aveva interessato gran parte del letto del fiume. Il Myriophyllum aquaticum è inserito nell’elenco delle specie invasive di rilevanza unionale (Regolamento Europeo 1143/2014; D.Lgs. 230/2017) e nelle black list della Regione Piemonte (D.G.R. 12 giugno 2017). Nella stessa estate del 2016 il Mryophyllum era stato sottoposto ad interventi manuali di eradicazione  e ad un protocollo di monitoraggio concordato tra Regione Piemonte, ARPA, ENEA ed Ente di gestione demyriophyllum lle aree Protette del Po e della Collina Torinese. Il Piano di monitoraggio, sottoposto ed approvato dal Ministero dell’Ambiente e ISPRA, prevede sopralluoghi periodici in siti con caratteristiche idonee alla proliferazione della specie lungo l’asta fluviale del Po dal ponte di corso Vittorio fino al confine con la Lombardia.

Nel 2017 la pianta invasiva era stata ritrovata in quantità minima nel tratto compreso tra il ponte Umberto I e l'ex imbarco GTT in Via Murazzi del Po.

Dal 2017 non è stata più rilevata la presenza del Myriophyllum aquaticum, a conferma che la strategia di controllo ed eradicazione adottata pare essere risultata efficace. Si renderà comunque necessario proseguire nel tempo l’attività di sorveglianza al fine di intervenire in tempi rapidi con azioni mirate di eradicazione/contenimento della specie in caso di rinvenimento.

Po2I sopralluoghi effettuati nell’estate 2019, nel tratto del Po tra il Ponte Vittorio Emanuele ed il Ponte Umberto I, oltre a non rilevare la presenza di Myriophyllum aquaticum, hanno evidenziato una ricca vegetazione acquatica costituita in massima parte da specie autoctone quali ad esempio: il Myriophyllum spicatum, la Callitriche sp., il Ceratophyllum demersum, varie specie di Potamogeton, lo Sparganium demersum, la Veronica anagallys aquatica, la Lemna gibba e Lemna minor, nonché varie specie di alghe filamentose.

La composizione della comunità vegetale e l’elevata copertura che caratterizza la vegetazione acquatica presente sono tipiche di ambienti di acque lentamente fluenti.

 

archiviato sotto: , , , ,

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it