Centro funzionale
Notizie

22 marzo 2019 - Aumento dell'instabilità del manto nevoso per il rialzo dello zero termico
Continua questa anomala stagione invernale con una settimana trascorsa all'inseg...

22 marzo 2019 - #giornatamondialedellacqua: Non lasciamo nessuno indietro
Non lasciamo nessuno indietro (Leaving no one behind) è il tema di quest'anno pe...

21 marzo 2019 - Intervento di Arpa nel Torrente Cervetto di Vercelli. Gli esiti delle analisi
Il 13 febbraio scorso Arpa Piemonte, congiuntamente ai Vigili Urbani, era interv...

15 marzo 2019 - Instabilità del manto nevoso per aumento dello zero termico. Il video del pericolo valanghe
Continua questa anomala stagione invernale caratterizzata da scarse nevicate e r...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

22/03/2019 E' online il video bollettino valanghe per il fine settimana del 23-24 marzo 2019

21/03/2019 E' online il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 23-24 marzo 2019 sulle montagne piemontesi


21/12/201 Avviato progetto MISTRAL per la realizzazione del portale della meteorologia italiana

06/07/2018 Realizzato un nuovo servizio di 'richiesta automatica dei dati idro-meteorologici orari'

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata


Rischi » Rischio Idrogeologico » Frane superficiali » Scenario attuale
 

FRANE SUPERFICIALI - Valutazione emessa il 26-03-2019 alle ore 11:00 e valida 36 ore

SCENARIO ATTUALE

Nota: Non si evidenziano probabilità significative per l'innesco di frane superficiali.

 

Probabilità di innesco
 
Nulla da segnalare
 
 
Inneschi isolati di frane
superficiali e/o fenomeni 
           di ruscellamento diffuso
 
 
Inneschi poco 
diffusi (<10/km²)
di frane superficiali
 
 
Inneschi 
diffusi (>10/km²)
di frane superficiali
 

 

La valutazione sulla probabilità di innesco delle frane superficiali in Piemonte è operata quotidianamente dal Centro Funzionale sulla base delle simulazioni prodotte dal modello SMART. Per le frane superficiali il modello SMART distingue due macrozone, denominate “Zone Omogenee”, caratterizzate da due differenti set di soglie. L'intersezione tra le suddette Zone Omogenee e le zone di allerta del Sistema di Allertamento Regionale produce delle aree elementari dedicate alla sola pericolosità per frana superficiale Approfondimenti.