Centro funzionale
Notizie

17 dicembre 2018 - Il Bot di Telegram @allertameteoPIE ha un bollettino in più
Il 1° dicembre scorso è cambiato il sistema di allertamento piemontese. Le nuove...

17 dicembre 2018 - Inquinamento da particolato PM10: le sorgenti
Nei primi giorni del mese di dicembre hanno avuto inizio i primi blocchi del tra...

15 dicembre 2018 - Domani allerta gialla per neve nelle zone appenniniche
  

14 dicembre 2018 - Ancora localizzati lastroni sulle creste di confine occidentali e settentrionali
Dopo un fine settimana molto ventoso, con apporti di nuova neve sulle creste di ...

13 dicembre 2018 - Neve e valanghe, un bilancio della scorsa stagione
Con l'avvio della nuova stagione e la ripresa dell'emissione del bollettino vala...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

14/12/2018 E' online il video bollettino valanghe per il fine settimana dell'15-16 dicembre 2018

13/12/2018 E' online il nuovo VIDEO sulla situazione meteorologica per il fine settimana del 15-16 dicembre 2018 sulle montagne piemontesi


06/07/2018 Realizzato un nuovo servizio di 'richiesta automatica dei dati idro-meteorologici orari'

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata >

15/11/2017 Consultabile il Rendiconto nivometrico 2016-2017


Rischi » Rischio Idrogeologico » Frane superficiali » Scenario attuale
 

FRANE SUPERFICIALI - Valutazione emessa il 17-12-2018 alle ore 12:00 e valida 36 ore

SCENARIO ATTUALE

Nota: Non si evidenziano probabilità significative per l'innesco di frane superficiali.

 

Probabilità di innesco
 
Nulla da segnalare
 
 
Inneschi isolati di frane
superficiali e/o fenomeni 
           di ruscellamento diffuso
 
 
Inneschi poco 
diffusi (<10/km²)
di frane superficiali
 
 
Inneschi 
diffusi (>10/km²)
di frane superficiali
 

 

La valutazione sulla probabilità di innesco delle frane superficiali in Piemonte è operata quotidianamente dal Centro Funzionale sulla base delle simulazioni prodotte dal modello SMART. Per le frane superficiali il modello SMART distingue due macrozone, denominate “Zone Omogenee”, caratterizzate da due differenti set di soglie. L'intersezione tra le suddette Zone Omogenee e le zone di allerta del Sistema di Allertamento Regionale produce delle aree elementari dedicate alla sola pericolosità per frana superficiale Approfondimenti.