Centro funzionale
Notizie

22 febbraio 2018 - Tempo perturbato e calo delle temperature nel weekend. Il video per l’escursionista
E’ atteso un weekend perturbato con calo delle temperature, a causa di un minimo...

22 febbraio 2018 - Allerta gialla per neve nel cuneese
Una circolazione depressionaria centrata sul mare Tirreno rimarrà stazionaria fi...

21 febbraio 2018 - 2017 molto caldo e secco
Il 2017 in Piemonte è stato il 3° anno più caldo degli ultimi 60 anni, con un’an...

21 febbraio 2018 - Dal fine settimana brusco calo delle temperature
Un minimo depressionario di origine polare è presente sul Tirreno e caratterizze...

20 febbraio 2018 - Fiume Bormida: indagine 2017 post alluvione
Nel corso del 2017 Arpa Piemonte ha condotto uno studio approfondito sulla salut...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

16/02/2018 E' online l'ultimo video sulle condizioni nivo-valanghive in Piemonte per il fine settimana del 17-18 febbraio 2018

22/02/2018 E' online il nuovo VIDEO aggiornato con le previsioni meteorologiche per il fine settimana del 24-25 febbraio 2018 in Piemonte


15/11/2017 Consultabile il 'Rendiconto nivometrico' della stagione invernale 2016-2017

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata >

08/09/2017 Disponibili gli ultimi aggiornamenti della Banca Dati Meteorologica e della Banca Dati Idrologica

03/05/2017 Aggiornate le elaborazioni dei Aggiornate le elaborazioni dei GRADI GIORNO relativi al semestre ottobre 2016 / aprile 2017
GRADI GIORNO relativi al semestre ottobre 2016 / aprile 2017


Rischi » Vigilanza Meteo » Temperature » Anomalia termica
 

Previsioni di anomalia termica emesse il 22-02-2018

Prossimo aggiornamento: 23-02-2018 entro le ore 13

Confini zone di allerta
Confini zone di allerta
Approfondimenti
Classi di intensità di anomalia termica
 
Assente o debole
 
Moderata
 
Elevata
 
Dato non disponibile

23-02-2018

24-02-2018

25-02-2018

La previsione di anomalia termica si basa sul confronto tra la temperatura estrema prevista su ciascuna area di allertamento ed i valori medi climatologici di  temperatura minima e massima calcolati sul periodo di riferimento 1991-2005.

In particolare, da ottobre a marzo sono analizzate le condizioni di anomalia di freddo, prendendo in esame le temperature minime, mentre da aprile a settembre sono analizzate le condizioni di anomalia di caldo, valutando i valori massimi.

A seconda delle caratteristiche orografiche prevalenti in ciascuna zona di allerta sono individuate delle fasce altimetriche di riferimento su cui calcolare i valori di temperatura estrema. Inoltre, a seconda di quante deviazioni standard la temperatura estrema prevista si discosta dal valore climatico di riferimento, vengono identificate 3 classi di intensità:

 

Elevata in rosso.

Moderata evidenziata in giallo.

Assente o debole evidenziata in bianco.

 

La previsione è emessa ogni giorno entro le 13.