Centro funzionale
Notizie

21 ottobre 2021 - Monitoraggio acque sotterranee – piezometri e pozzi Solvay (aree interne ed esterne): composti organoalogenati
Interno stabilimento A giugno 2021, all’interno dello stabilimento, nel livello ...

20 ottobre 2021 - Le emissioni di polveri sottili dalla combustione delle biomasse. La differenza tra le classi di qualità delle stufe
Alcuni giorni fa Arpa Piemonte ha pubblicato i risultati della campagna di contr...

19 ottobre 2021 - Raggiunti i 36 giorni di superamento del limite di 50 microgrammi/m3 di PM10 a Torino
Nella giornata di ieri, 18 ottobre 2021, la stazione da traffico di Torino Rebau...

19 ottobre 2021 - Inquinamento nel bacino padano: resoconto della conferenza Life Prepair di Venezia
A Venezia, il 6 e il 7 ottobre scorsi, si è svolta la Miterm Conference di LIFE ...

16 ottobre 2021 - Villastellone, pubblicata la relazione sulla qualità dell'aria
E' stata pubblicata la relazione conclusiva relativa alla campagna di monitoragg...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

14/05/2021 E' online il video con le indicazioni di carattere generale per le escursioni primaverili

19/03/2020 E' on-line il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 21-22 marzo 2020


19/11/2019 Disponibile il Rendiconto nivometrico della stagione invernale 2018/2019


Centro funzionale » Il sistema di allerta » Informazioni generali
 

Sistema di allertamento

La Regione Piemonte adotta un sistema di allertamento descritto ai sensi della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 febbraio 2005.

Tramite un disciplinare vengono descritti gli indirizzi  e stabilite le procedure e le modalità di allertamento del sistema ai diversi livelli: regionale, provinciale e comunale così come stabilito dal decreto legislativo n.112/1998 e dalla legge regionale n.7/2003.

La gestione del sistema di allerta regionale è assicurata dal Centro Funzionale Regionale attivi presso l’Arpa Piemonte, dalla Regione, dagli Uffici Territoriali di Governo, dalle Provincie e dai Comuni, nonché dalle altre strutture pubbliche e private regionali, compresi i Centri di Competenza, chiamati a concorrere.

 

Il sistema di allertamento regionale è definito da una fase previsionale e una fase di monitoraggio  e sorveglianza, entrambe attuate dal Centro Funzionale Regionale. Tali fasi prevedono l’avvio delle attività di prevenzione del rischio e di gestione delle emergenze, che sono assegnate al sistema regionale di protezione civile.

 

L’insieme degli elementi tecnico-scientifici di base che concorrono a  definire il Sistema di Allertamento Regionale, proposti dal Centro Funzionale Regionale, sono:

·      la suddivisione del territorio regionale in zone di allerta

·      i livelli e gli scenari di rischio

·      il sistema di soglie.

 

Gli elementi che concorrono a definire le procedure di attivazione e gestione del Sistema di Allertamento Regionale sono:

·      documenti informativi (bollettini, dati di monitoraggio, avvisi)

·      modalità di diffusione e sistema di trasmissione dei documenti informativi

·      compiti ed operatività del Centro Funzionale

·      corrispondenza fra livelli di criticità e livelli di allerta.

 

Al Centro Funzionale compete la valutazione degli avvisi meteo  e dei livelli di criticità  e all’Assessore alla Protezione Civile della Regione compete la loro adozione.