Centro funzionale
Notizie

25 febbraio 2021 - Polvere e sabbia dal Sahara: livelli di PM10 elevati anche in montagna
Da martedì scorso il Piemonte è interessato da un fenomeno di trasporto di polve...

25 febbraio 2021 - On line i report emissivi degli impianti sottoposti allo SME del territorio metropolitano
Sono pubblicati i report emissivi, elaborati dal Sistema di Monitoraggio in cont...

24 febbraio 2021 - Coronavirus: accordo SMAT - Arpa Piemonte su monitoraggio acque reflue
Nell’ambito del progetto di Sorveglianza Ambientale dei Reflui urbani in Italia ...

23 febbraio 2021 - Chiazze oleose sul Po: gli esiti delle analisi chimiche
Le analisi chimiche effettute dai laboratori di Arpa sui campioni di acqua del f...

22 febbraio 2021 - Il 2020 è stato il sesto più caldo degli ultimi 63 anni. Il 2 ottobre 2020 il giorno più piovoso dal 1958
L’anno 2020 in Piemonte è stato il 6° più caldo degli ultimi 63 anni, con una te...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

19/02/2021 E' online il videobollettino valanghe per il weekend del 20-21 febbraio 2021

19/03/2020 E' on-line il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 21-22 marzo 2020


19/11/2019 Disponibile il Rendiconto nivometrico della stagione invernale 2018/2019


Approfondimenti » Pericolo Valanghe » Sistema d'allertamento » Il disciplinare
 

La Regione Piemonte adotta un sistema di allertamento descritto ai sensi della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 febbraio 2005.

Tramite un disciplinare vengono descritti gli indirizzi  e stabilite le procedure e le modalità di allertamento del sistema ai diversi livelli: regionale, provinciale e comunale così come stabilito dal decreto legislativo n.112/1998 e dalla legge regionale n.7/2003.

La gestione del Sistema di Allertamento Regionale è assicurata dal Centro Funzionale Regionale, attivo presso l’Arpa Piemonte, dalla Regione, dagli Uffici Territoriali di Governo, dalle Provincie e dai Comuni, nonché dalle altre strutture pubbliche e private regionali, compresi i Centri di Competenza, chiamati a concorrere.

 

Il Sistema di Allertamento Regionale è definito da una fase previsionale e una fase di monitoraggio  e sorveglianza, entrambe attuate dal Centro Funzionale Regionale. Tali fasi prevedono l’avvio delle attività di prevenzione del rischio e di gestione delle emergenze, che sono assegnate al sistema regionale di protezione civile.

 

L’insieme degli elementi tecnico-scientifici di base che concorrono a  definire il Sistema di Allertamento Regionale, proposti dal Centro Funzionale Regionale, sono:

  • la suddivisione del territorio regionale in zone di allerta;
  • i livelli e gli scenari di rischio;
  •  il sistema di soglie.

 

Gli elementi che concorrono a definire le procedure di attivazione e gestione del Sistema di Allertamento Regionale sono:

  • documenti informativi (bollettini, dati di monitoraggio, avvisi);
  • modalità di diffusione e sistema di trasmissione dei documenti informativi;
  • compiti ed operatività del Centro Funzionale;
  • corrispondenza fra livelli di criticità e livelli di allerta.

 

Al Centro Funzionale compete la valutazione degli avvisi meteo e dei livelli di criticità; all’Assessore alla Protezione Civile della Regione compete la loro adozione.