Centro funzionale
Notizie

12 agosto 2020 - Dal pomeriggio allerta gialla per temporali
Il promontorio anticiclonico nord-africano, esteso dal Mediterraneo all’Europa c...

12 agosto 2020 - Luglio 2020 caldo e leggermente secco
In Piemonte luglio 2020 ha avuto una temperatura media di circa 19.6°C, con un’a...

11 agosto 2020 - Maltempo del 1 e 2 agosto su alessandrino e astigiano: il rapporto d'evento
Sabato 1° agosto scorso sul Piemonte si sono instaurate condizioni di marcata in...

6 agosto 2020 - Schiume sul Lago d'Orta: un fenomeno algale di origine naturale
Il 30 e 31 luglio scorsi sono pervenute ad Arpa Piemonte diverse segnalazioni da...

5 agosto 2020 - Sversamento di refluo biancastro in un canale di Castelletto sopra Ticino
Nel pomeriggio di ieri, su chiamata della Polizia Municipale di Castelletto sopr...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

13/03/2020 E' online il video con le attività del Servizio Nivologico di Arpa Piemonte durante l'emergenza sanitaria

19/03/2020 E' on-line il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 21-22 marzo 2020


19/11/2019 Disponibile il Rendiconto nivometrico della stagione invernale 2018/2019


Approfondimenti » Meteo » Strumenti di osservazione » Radiosonda
 

Sistema automatico di radiosondaggio dell’atmosfera

Dal 1999, presso l’Aeroporto di Cuneo-Levaldigi, è installata una strumentazione automatica di radiosondaggio atmosferico (Fig.1).

Due volte al giorno (per convenzione alle 00 UTC ed alle 12 UTC) il sistema lancia nell’atmosfera un pallone gonfiato con elio a cui è collegata un'apparecchiatura, la radiosonda, dotata di sensori per la misura della temperatura, dell'umidità e della pressione: questi parametri sono misurati nella troposfera e nella bassa stratosfera, fino a circa 30 Km di quota.

Fig. 1: il sistema autosonda apre i coperchi del cilindro di lancio, e rilascia pallone e radiosonda in atmosfera

Fig. 2 : radiosonda di tipo RS92-SGP: mediamente il sondaggio raggiunge 30 km di altezza, in un tempo di circa 1 ora e 30 minuti, con una velocità di ascesa di circa 300 metri/minuto

 

I dati rilevati in un radiosondaggio sono utili sia a fini di analisi, che di previsione meteorologica: mediante questi è infatti possibile caratterizzare l’atmosfera, definirne come già detto le condizioni di stabilità o di instabilità, e ad esempio verificare la presenza di strati di inversione termica, condizione che favorisce la formazione delle nebbie in pianura in inverno, e la cui presenza ed altezza influisce in modo rilevante sulla diffusione degli inquinanti.

Durante il radiosondaggio vengono inoltre stimate velocità e direzione del vento per via indiretta, calcolando cioè la posizione della sonda tramite il sistema di navigazione LORAN–C (è un sistema di radionavigazione a bassa frequenza, costituito da stazioni radiotrasmittenti situate in tutto il mondo), oppure, utilizzando un altro tipo di radiosonde (Fig. 2), più evolute e precise, mediante il sistema GPS.

 

Le caratteristiche del profilo dell’atmosfera misurate con le radiosonde vengono rappresentate in un diagramma (Fig. 3) che contiene l'andamento della temperatura, dell’umidità e del vento rispetto alla quota. Inoltre vengono indicati altri parametri, misurati o calcolati a posteriori: i principali sono l'altezza dello zero termico ZT, gli indici di instabilità K index, TOTAL TOTALS index, LIFTED index, e CAPE, e gli indici di stabilità atmosferica, come ad esempio il CIN.

 

 

Fig. 3 : rappresentazione su un diagramma logaritmico del radiosondaggio (quota in Km e mb),
valori di Zero Termico, indici di instabilità e stabilità atmosferica.