Centro funzionale
Notizie

28 gennaio 2022 - Manto nevoso generalmente stabile, innevamento scarso per il periodo
L’assenza di nuove nevicate mantiene condizioni di innevamento fortemente defici...

28 gennaio 2022 - Qualità dell'aria nel 2021: il particolato PM 2,5
A completamento del quadro descrittivo dello stato della qualità dell’aria rilev...

27 gennaio 2022 - 50 giorni consecutivi senza pioggia: la situazione idrica in Piemonte
Tra la fine del 2021 e l’inizio di questo nuovo anno 2022, la presenza quasi ini...

25 gennaio 2022 - Sequenziamento acque reflue: la variante Omicron continua ad essere dominante in tutta la regione
Prosegue da parte di Arpa Piemonte il monitoraggio della diffusione del SARS-CoV...

21 gennaio 2022 - Manto nevoso stabile, pericolo 1 Debole per il fine settimana
Continuano le condizioni di alta pressione anche per il fine settimana, determin...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

28/01/2022 E' online il video bollettino valanghe per il periodo 29-30 gennaio 2022

19/03/2020 E' on-line il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 21-22 marzo 2020


19/11/2019 Disponibile il Rendiconto nivometrico della stagione invernale 2018/2019


Approfondimenti » Effetti sulla salute » I raggi ultravioletti » Cosa sono?
 

Cosa sono?

I raggi ultravioletti (UV) sono radiazioni elettromagnetiche le cui lunghezze d’onda si situano tra quelle della luce visibile e quelle delle radiazioni ionizzanti (raggi X e raggi gamma).

Ci sono tre tipi di raggi ultravioletti:

    • UV-A  sono quelli che hanno lunghezze d’onda maggiori e più vicine a quelle della luce visibile. Sono il 95% dei raggi UV che raggiungono la superficie terrestre possono penetrare negli strati profondi dell’epidermide. Abbronzano rapidamente ma l’abbronzatura è temporanea. Producono radicali liberi che alterano le cellule e le fibre di sostegno, provocando l’invecchiamento della pelle.
    • UV-B  hanno una lunghezza d’onda intermedie, non superano gli strati superficiali della pelle e sono assorbiti dallo strato corneo. Indispensabili alla sintesi della vitamina D che fissa il calcio nelle ossa e ha un ruolo fondamentale per la struttura dell’epidermide. Ci aiutano nell’abbronzatura. Sono responsabili dei colpi di sole e possono provocare delle mutazioni nella struttura delle cellule.
    • UV-C sono i più dannosi però non raggiungono la superficie terrestre poiché vengono assorbiti dallo strato di ozono presente nell’atmosfera. Per questo il buco dell’ozono è potenzialmente pericoloso.

L’intensità della radiazione ultravioletta solare è maggiore  tra le 11 e le 16 e aumentano progressivamente se si sale di altitudine.
Alcuni elementi riflettono parte degli UV ricevuti:

  • Acqua  5%
  • Sabbia 20%
  • Erba  5%
  • Neve  85%

Gli effetti nocivi dei raggi UV possono essere a breve termine, quale la produzione di eritemi a seguito di brevi esposizioni a radiazione UV di elevata intensità, o a lungo termine, quali l’induzione di tumori della pelle a seguito di esposizioni prolungate a questo tipo di radiazione.

Sia i raggi UV solari che quelli emessi da lampade abbronzanti sono stati classificati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità quali cancerogeni certi (gruppo 1 dello IARC).