Centro funzionale
Notizie

19 aprile 2019 - Pericolo valanghe in aumento per riscaldamento diurno
Dopo le deboli nevicate dello scorso fine settimana, le condizioni meteorologich...

18 aprile 2019 - Week-end di Pasqua soleggiato. Il video per l'escursionista
L'alta pressione sull'Italia regalerà un fine settimana di Pasqua in gran parte ...

18 aprile 2019 - Un flash mob per il clima
Ieri mattina è stato organizzato un flash mob alla stazione ferroviaria di Porta...

12 aprile 2019 - Pericolo valanghe in aumento: fino a 3-Marcato
Dal pomeriggio di martedì il Piemonte è stato interessato da nuove precipitazion...

11 aprile 2019 - Weekend instabile e perturbato. Il video per l'escursionista
Il finesettimana sul Piemonte sarà caratterizzato dalla discesa di una fredda pe...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

19/04/2019 E' online il video bollettino valanghe per il fine settimana Pasquale 2019

18/04/2019 E' online il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana di Pasqua 2019 sulle montagne piemontesi


21/12/2018 Avviato progetto MISTRAL per la realizzazione del portale della meteorologia italiana

06/07/2018 Realizzato un nuovo servizio di 'richiesta automatica dei dati idro-meteorologici orari'

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata


Approfondimenti » Effetti sulla salute » Biometeorologia » Introduzione
 

La biometeorologia umana

La biometeorologia umana è una scienza interdisciplinare tra meteorologia, medicina e biologia. L'obbiettivo principale di questa scienza è quello di studiare le interazioni tra i fenomeni atmosferici e l'organismo umano. A tale scopo vengono utilizzati indici biometeorologici atti a esprimere oggettivamente le condizioni di benessere o di disagio fisiologico dell'uomo in relazione alla combinazione di più fattori ambientali. Tali indici possono essere di due tipi: assoluti o relativi.

Gli indici biometeorologici assoluti, di facile ed immediata applicazione, sono semplici formule empiriche basate su alcuni dei parametri meteorologici più comunemente rilevati dalle stazioni di misura: temperatura ed umidità dell’aria, velocità del vento, pressione a suolo.

Dall'applicazione di tali formule si ottiena una stima della temperatura effettivamente percepita dal corpo umano. La temperatura così stimata, deve essere confrontata con i valori soglia riportati nelle tabelle di classificazione biometeorologica ottenute attraverso studi effettuati su una popolazione campione. Le soglie contenute nelle tabelle permettono di individuare una precisa condizione fisiologica rappressentata da condizioni di benessere o disagio.

Tra gli indici biometeorologici assoluti più utilizzati ricordiamo:

  • Temperatura apparente - stima il disagio fisiologico dovuto all’esposizione a condizioni meteorologiche caratterizzate da alte temperature ed elevati livelli igroscopici dell’aria, nonché da ridotta velocità del vento a 10 m dal suolo.
  • indice di Thom o Discomfort index - è uno degli indici più utilizzati per la stima della temperatura percepita ed è sensibile in un intervallo termico compreso tra i 21°C ed i 47°C.
  • Humidex - valuta il benessere climatico nei giorni caldi ed umidi e si basa sulla relazione empirica che prende in considerazione la temperatura dell'aria e la tensione di vapore. E' sensibile per temperature comprese tra i 20 °C ed i 55 °C.
  • Wind Chill - deriva da un esperimento condotto in Antertide nel 1941 ed esprime la capacità del vento di togliere calore al corpo umano favorendo l'evapotraspirazione. Si applica con velocità del vento comprese tra 2m/s e 24 m/s ed una Temperatura dell'aria inferiore agli 11°C.

Gli indici biometeorologici relativi valutano quanto la popolazione è abituata alle condizioni meteorologiche in atto. Per esempio una temperatura di 30 °C a inizio Maggio corrisponde condizioni estreme per il periodo dell’anno e la popolazione può non ancora essersi acclimatata a temperature tipicamente estive, anche se gli indici biometeorologici assoluti non sono ancora tali da stimare condizioni di disagio fisiologico elevato per lla popolazione.

  • Heat Stress Index - calcolato seguendo la procedura indicata da J. D. Watts e L. S. Kalkstein (2003), valuta la risposta fisiologica della popolazione alle variabili meteorologiche, basandosi sia sulla localizzazione che sul periodo stagionale attraverso l’analisi della distribuzione di probabilità delle variabili meteorologiche misurate nel passato.