Schiume sul Po nel tratto torinese: diverse le sorgenti

16 aprile 2021

Con il  progressivo aumento della  quantità  di acqua all’interno dei bacini idrici superficiali a monte di Torino, grazie alle piogge cadute in  questi giorni, sono riapparse le schiume nel tratto di Po che attraversa la città di Torino.

La causa della presenza di queste schiume sono da ricercarsi nella gran quantità di tensioattivi che sono recapitati nel Po e nei suoi affluenti principali attraverso gli scarichi idrici dei depuratori ed in parte dalle attività industriali e zootecniche che nonostante la depurazione determinano condizioni di deterioramento della qualità delle acque anche a causa della ridotta diluizione. 

Oltre al tratto a monte di Moncalieri del Po contribuisce alla formazione di queste schiume l'acqua riversata dal torrente Sangone e Chisola, che sono bacini idrici caratterizzati da una elevata densità abitativa in particolare nel tratto terminale e dalla presenza di attività industriali e agricole. Il contributo degli scarichi diretti nel Po nel tratto torinese risultano residuali e minoritari rispetto all'intero corso del fiume.

Nei vari campionamenti che si sono succeduti in questi giorni da parte  di Arpa si è sempre rilevata la presenza di tensioattivi non ionici (detergenti) all’interno del fiume con concentrazioni comprese tra 0,3 mg/ litro e 0,8 mg/litro. Tali concentrazioni, pur non essendo particolarmente elevate, formano in prossimità di un cambio di regime idrico, da  calmo a turbolento, la formazione di schiume dovute all’inglobamento di aria all’interno dell'acqua.

Siamo quindi in presenza di una serie di sorgenti diffuse disposte lungo  diversi  tratti  di fiumi e di torrenti  che sono stati individuati, ma che per la  loro natura presentano una certa difficoltà risolutiva se non  con interventi tecnologici  mirati al momento in fase di studio.

archiviato sotto: , , ,

 

 

 

 

 

Abbiamobisognodite

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it