Saluzzo, i risultati del monitoraggio della qualità dell'aria

27 aprile 2021

Da gennaio a giugno 2020 è stata eseguita una campagna di misura della qualità dell’aria nel comune di Saluzzo (CN). La sua durata è stata eccezionalmente lunga a causa delle restrizioni legate all’emergenza Coronavirus.

Eseguite con il laboratorio mobile in piazza Garibaldi, nel centro cittadino, le misure hanno evidenziato livelli di inquinamento confrontabili con quelli registrati dalle stazioni collocate nei centri urbani della zona nord della provincia di Cuneo.

Per il biossido di azoto, inquinante fortemente legato alle emissioni locali, il rispetto dei limiti normativi risulta garantito anche per questa città. Le restrizioni dovute all’emergenza sanitaria hanno determinato anche a Saluzzo una diminuzione delle concentrazioni al di sotto dei livelli minimi “attesi” nel periodo compreso tra la metà di marzo ’20 ed il 4 maggio ’20, quando i dati della mobilità attestano riduzioni del traffico superiori al 50% rispetto al periodo precedente al lockdown.

Relativamente all’inquinamento da polveri sottili, i dati di PM10 evidenziano per Saluzzo una maggiore influenza dell’inquinamento diffuso del bacino padano rispetto alla zona sud della provincia di Cuneo, con livelli di polveri sottili equivalenti in media a quelli misurati ad Alba e Bra, che tra le stazioni della provincia presentano i livelli maggiori di PM10. Nel confronto con la norma, si evidenziano criticità per il rispetto del limite normativo giornaliero, sono stati infatti misurati 20 superamenti del limite giornaliero di 50 μg/m3 (tutti concentrati nei mesi di gennaio e febbraio ’20, mesi caratterizzati da condizioni meteorologiche favorevoli all’accumulo degli inquinanti) e sono stati stimati, con riferimento all’intero anno 2020, 36 superamenti contro i 35 consentiti per anno civile.

I risultati della campagna di misura sono qui disponibili.

Gli approfondimenti svolti negli anni sulla qualità dell'aria della provincia di Cuneo sono pubblicati nelle pagine dedicate.

archiviato sotto: , , , , ,

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it