Polvere e sabbia dal Sahara: livelli di PM10 elevati anche in montagna

25 febbraio 2021

Da martedì scorso il Piemonte è interessato da un fenomeno di trasporto di polvere e di sabbia dal Sahara, visibile nell’immagine della composizione RGB dei satelliti   Sentinel-3A e Sentinel-3B dell’ESA (canali 9,4,6) del 23 febbraio 2021.

esa pm10

Il fenomeno ha interessato in particolar modo le aree alpine, ed è stato registrato sia dagli strumenti di misura che di previsione della qualità dell’aria di Arpa Piemonte.

Nelle stazioni di quota di Baceno-Alpe Devero (VB  -1637 m sul livello del mare) si è passati  da una concentrazione media giornaliera di PM10 di 9 μg/mlunedì  22 febbraio a un valore di  92 μg/m3  del 24 febbraio. Un andamento analogo è  stato osservato nella stazione di Ceresole Reale (1620 m sul livello del mare).

Il fenomeno è bene evidenziato dalla diminuzione  a partire dal 23 febbraio  del rapporto PM2.5/PM10 - in modo più evidente  nella stazione di quota. Le sabbie sahariane , infatti, sono prevalentemente costituite da polveri della  frazione granulometrica “coarse”  - vale a dire quella  compresa tra PM2.5 e PM10 - per cui provocano un aumento molto più consistente del PM10 rispetto al  PM2.5.

 pm10sahara

Il sistema previsionale della qualità dell'aria di Arpa Piemonte aveva previsto il fenomeno. Qui di seguito le cartografie tematiche che mostrano le previsioni emesse lunedì 22 gennaio per il giorno stesso (immagine a sinistra) e per quello successivo (immagine a destra)

previsioni pm10 sahara

L'evoluzione del fenomeno sarà oggetto di particolare attenzione anche nei prossimi giorni.

archiviato sotto: , , , ,

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it