Incendio alla raffineria Eni a Sannazzaro (PV). I controlli sul territorio piemontese. Aggiornamento

9 febbraio 2017

Martedì e mercoledì scorsi, i tecnici del Dipartimento Arpa di Alessandria e Asti hanno continuato a monitorare la zona interessata dalla possibile ricaduta in Piemonte dei fumi dell'incendio di domenica scorsa della raffineria ENI di Sannazzaro (PV). L'esito di questi controlli non ha messo in evidenza significativi incrementi degli inquinanti misurati rispetto alle prime analisi effettuate nella giornata di domenica. Analogamente i risultati delle analisi di laboratorio concluse nella giornata odierna dai Laboratori Arpa non si discostano dai primi rilevamenti ottenuti con strumentazione portatile da campo.

In particolare sono stati registrati, nei comuni di Molino dei Torti ed Alzano (AL) dati di VOCs (composti organici volatili)  leggermente superiori ai quelli tipici dell’area e con la presenza di sostanze tipiche della combustione di prodotti petroliferi.

L'analisi di dettaglio compiuta a posteriori sull'andamento dei deboli venti presenti nella giornata di domenica ha confermato che l'area di principale ricaduta dei fumi aveva interessato i territori ad ovest della raffineria, territori ricadenti in Lombardia.

La relazione finale

archiviato sotto: , , ,

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it