Bonifiche di siti contaminati: un caso


E' prassi che, in caso di incidenti, i tecnici Arpa vengano chiamati a valutare eventuali contaminazioni di una (o più) matrice ambientale.

In casi del genere:

  • quali sono i compiti di Arpa Piemonte?
  • quali quelli delle amministrazioni pubbliche coinvolte?
  • quali i riferimenti normativi?


Arpa, valutata la situazione e compiute le successive analisi di laboratorio sui campioni prelevati, relaziona agli enti territoriali competenti (regione e/o provincia e/o comune).
In caso di superamento dei limiti di legge, informa che i livelli di contaminazione della matrice sono superiori ai valori di concentrazione soglia di contaminazione di cui all'allegato 5, parte IV, del decreto di cui sopra, dichiarandone i valori riscontrati.
A seconda se sia o meno stato individuato il proprietario dell'area in cui è avvenuta la contaminazione, la normativa scandisce i passaggi successivi.

Il caso che si porta ad esempio, riguarda il ribaltamento di un articolato in risaia, con perdita di gasolio dai serbatoi e conseguente contaminazione del suolo circostante. Già trattata nelle notizie sia il giorno successivo all'incidente che durante la bonifica, la vicenda si è conclusa.

Oggi, il terreno si presenta nella condizione d'origine; le immagini lo rivelano...

 

13
4 5

 

archiviato sotto: , ,

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it