Centro funzionale
Notizie

21 gennaio 2020 - Al via controlli sul pellet da parte di Arpa e Carabinieri del Nucleo Forestale
Una task force con 10 squadre in campo per passare al setaccio i materiali combu...

17 gennaio 2020 - Bollettino valanghe: nuovi lastroni, piccoli ma suscettibili al debole sovraccarico
La settimana è stata caratterizzata da condizioni di bel tempo fino a venerdì de...

17 gennaio 2020 - Misura della qualità dell’aria nel comune di Alba
Da dicembre 2001 la qualità dell’aria viene costantemente valutata nella città d...

16 gennaio 2020 - Soleggiato e ventoso sabato, più freddo e con nubi irregolari domenica. Il video per l'escursionista
Sabato il rapido passaggio di un fronte atlantico sul Piemonte determinerà cieli...

10 gennaio 2020 - Manto nevoso ben consolidato ma rialzo termico domenica: il video del bollettino valanghe
Il tempo stabile e soleggiato in montagna, con temperature miti per il periodo, ...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

17/01/2020 E' online il video con le condizioni di innevamento in Piemonte per il fine settimana del 18-19 Gennaio 2020

16/01/2020 E' on-line il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 18-19 Gennaio 2020


19/11/2019 Disponibile il Rendiconto nivometrico della stagione invernale 2018/2019


Tematismi » Neve » Ponti di Neve
 

Ponti di Neve: cosa sono, come si formano e pericoli associati

Un ponte di neve è un arco di accumulo nevoso attraverso un crepaccio, una fessura nella roccia, un torrente, o qualche altra apertura nel terreno.

La sua formazione può essere legata alla evoluzione di una cornice di neve che può crescere gradualmente raggiungendo e congiungendo l'altro lato dell'apertura. Può anche formarsi per erosione da parte di un corso d’acqua che scorrendo al di sotto di un accumulo di neve crea una cavità (tipiche nei canaloni di valanga).

 

Un ponte di neve può coprire completamente l'apertura sottostante e quindi presentare un elevato pericolo in caso di attraversamento. Infatti, crea un'illusione di superficie continua mentre nasconde l'apertura sotto uno strato di neve di spessore sconosciuto, anche solo di pochi centimetri.

 

Talvolta, i ponti di neve si possono formare anche all'interno delle aperture rendendo difficile la valutazione della profondità reale dell’apertura stessa, che in genere viene sottostimata.

Nell’ambito del progetto Alcotra (programma transfrontaliero Italo-francese) "Prév Risk Haute Montagne", di cui Arpa Piemonte è partner, nasce uno studio transfrontaliero sugli incidenti in alta quota provocati dalla rottura di ponti di neve su ghiacciaio.


Questo studio ha due obiettivi principali:
1. comprendere meglio la struttura dei ponti di neve e i meccanismi di rottura, attraverso l'installazione di strumentazione sperimentale specifica in un sito pilota, a partire dall'estate 2016;
2. determinare i siti maggiormente soggetti ad incidenti, le cause degli incidenti e la gestione del rischio da parte degli alpinisti, con l'obiettivo di migliorare le azioni di prevenzione.

 

Lo studio, supportato da Arpa Piemonte, è curato dal Laboratoire EDYTEM (CNRS, Università della Savoia – Francia) con la collaborazione della Compagnia delle Guide “La Chamoniarde ” di Chamonix (Francia), di Fondazione Montagna Sicura di Courmayeur (Italia) e del Cantone del Vallese (Svizzera).

 

Nel mese di giugno 2016 si è chiuso il questionario sui Ponti di Neve e nei prossimi comunicati verranno divulgati i dati e le analisi effettuate. Contestualmente Arpa Piemonte ha aggiornato il sito per la raccolta dati sul campo rivolto ai frequentatori e conoscitori della montagna, rinnovando l'impaginazione ed aggiungendo il modulo "Ponti di neve" .

 

 

Per info su questionari e studio sui ponti di neve: edouard.graff@hotmail.fr, ludovic.ravanel@univ-savoie.fr
Per info sul progetto PrévRiskHauteMontagne: luca.paro@arpa.piemonte.it