Centro funzionale
Notizie

10 dicembre 2018 - Evento alluvionale 21-25 novembre 2016: la pubblicazione
A due anni dall’evento alluvionale che a novembre del 2016 colpì il Piemonte con...

7 dicembre 2018 - Pericolo valanghe in aumento per venti burrascosi e nevicate
Dopo le precipitazioni di inizio settimana con episodi di pioggia su neve fino a...

6 dicembre 2018 - Weekend con il vento. Il video per l’escursionista
Nel fine settimana le correnti in quota si disporranno da nordovest, determinand...

5 dicembre 2018 - Arpa Piemonte fornisce nuovi servizi per la stima dei consumi energetici
Con l'inizio della stagione termica, periodo in cui è possibile accendere gli im...

4 dicembre 2018 - Protocollo d'intesa per l'attivazione del Contratto di Lago per il Cusio
Arpa Piemonte ha sottoscritto un protocollo di intesa per l'attivazione di un co...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

06/12/2018 E' online il nuovo VIDEO sulla situazione meteorologica per il fine settimana dell' 8-9 dicembre 2018 sulle montagne piemontesi


07/12/2018 E' online il video bollettino valanghe per il fine settimana dell'8-9 dicembre 2018

06/07/2018 Realizzato un nuovo servizio di 'richiesta automatica dei dati idro-meteorologici orari'

15/11/2017 Consultabile il 'Rendiconto nivometrico' della stagione invernale 2016-2017

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata >


Rischi » Terremoti » Ultimi terremoti » Mappa cronologia terremoti
 

Mappa regionale degli ultimi terremoti: cronologia

Nella mappa sono rappresentati i terremoti rilevati dalla rete sismica regionale dell'Italia nord-occidentalerete sismica regionale negli ultimi 30 giorni con epicentro localizzato in prossimità del Piemonte, tra 6.0° e 10.0° Est di longitudine e tra 43.5° e 47.0° Nord di latitudine.

Si vedano le note sui dati sismici forniti e le indicazioni per la consultazione dei dati in calce alla mappa.

Aggiornamento dati: 11-12-2018 alle ore 09:09 UTC

Legenda ultimi terremoti

tipo dati

magnitudo

tempo trascorso

Note sui dati sismici forniti

I dati riportati sono i risultati delle elaborazioni effettuate nell'ambito dell'attività quotidiana di monitoraggio della sismicità regionale Approfondimenti, qui presentati a fini informativi e divulgativi e destinati a utenti qualificati per una loro corretta interpretazione. I valori forniti cosituiscono le migliori stime ottenute dall'analisi dei dati disponibili al momento dell'elaborazione e possono essere rivisti ed aggiornati in funzione della disponibilità di nuovi dati e nuove informazioni.

I dati riportati sono relativi a terremoti di magnitudo locale maggiore o uguale a 1.0 rivisti manualmente.

Per terremoti di magnitudo maggiore o uguale a 2.5 ML sono pubblicati, entro pochi minuti dall'evento, i dati elaborati in automatico in tempo quasi-reale dalle procedure operative della rete sismica. I dati automatici vengono sostituiti da quelli risulanti dalla revisione manuale non appena siano disponibili.

 

Il tempo origine indica il momento in cui è iniziata la rottura lungo la superficie di faglia.

I tempi sono espressi secondo il fuso orario di riferimento UTC.
Le coordinate geografiche dell'epicentro sono riferite al datum WGS84.
La profondità dell'ipocentro indica la distanza dalla superficie terrestre del punto in cui è iniziata la rottura lungo la superficie di faglia.

La grandezza del terremoto è caratterizzata tramite la stima di magnitudo calcolata usualmente secondo la scala di magnitudo locale (ML) utilizzata dalle procedure operative della rete sismica regionale dell'Italia nord-occidentalerete sismica regionale.

Indicazioni per la consultazione dei dati

I simboli rappresentano gli epicentri dei sismi, con dimensione funzione della magnitudo e con colore funzione del tempo trascorso dal tempo origine al momento della consultazione (si veda in legenda).