Centro funzionale
Notizie

28 gennaio 2022 - Manto nevoso generalmente stabile, innevamento scarso per il periodo
L’assenza di nuove nevicate mantiene condizioni di innevamento fortemente defici...

28 gennaio 2022 - Qualità dell'aria nel 2021: il particolato PM 2,5
A completamento del quadro descrittivo dello stato della qualità dell’aria rilev...

27 gennaio 2022 - 50 giorni consecutivi senza pioggia: la situazione idrica in Piemonte
Tra la fine del 2021 e l’inizio di questo nuovo anno 2022, la presenza quasi ini...

25 gennaio 2022 - Sequenziamento acque reflue: la variante Omicron continua ad essere dominante in tutta la regione
Prosegue da parte di Arpa Piemonte il monitoraggio della diffusione del SARS-CoV...

21 gennaio 2022 - Manto nevoso stabile, pericolo 1 Debole per il fine settimana
Continuano le condizioni di alta pressione anche per il fine settimana, determin...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

28/01/2022 E' online il video bollettino valanghe per il periodo 29-30 gennaio 2022

19/03/2020 E' on-line il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 21-22 marzo 2020


19/11/2019 Disponibile il Rendiconto nivometrico della stagione invernale 2018/2019


Rischi » Terremoti » Ultimi terremoti » Mappa cronologia terremoti
 

Mappa regionale degli ultimi terremoti: cronologia

Nella mappa sono rappresentati i terremoti rilevati dalla rete sismica regionale dell'Italia nord-occidentalerete sismica regionale negli ultimi 30 giorni con epicentro localizzato in prossimità del Piemonte, tra 6.0° e 10.0° Est di longitudine e tra 43.5° e 47.0° Nord di latitudine.

Si vedano le note sui dati sismici forniti e le indicazioni per la consultazione dei dati in calce alla mappa.

Aggiornamento dati: 27-01-2022 alle ore 08:41 UTC

Legenda ultimi terremoti

tipo dati

magnitudo

tempo trascorso

Note sui dati sismici forniti

I dati riportati sono i risultati delle elaborazioni effettuate nell'ambito dell'attività quotidiana di monitoraggio della sismicità regionale Approfondimenti, qui presentati a fini informativi e divulgativi e destinati a utenti qualificati per una loro corretta interpretazione. I valori forniti cosituiscono le migliori stime ottenute dall'analisi dei dati disponibili al momento dell'elaborazione e possono essere rivisti ed aggiornati in funzione della disponibilità di nuovi dati e nuove informazioni.

I dati riportati sono relativi a terremoti di magnitudo locale maggiore o uguale a 1.0 rivisti manualmente.

Per terremoti di magnitudo maggiore o uguale a 2.5 ML sono pubblicati, entro pochi minuti dall'evento, i dati elaborati in automatico in tempo quasi-reale dalle procedure operative della rete sismica. I dati automatici vengono sostituiti da quelli risulanti dalla revisione manuale non appena siano disponibili.

 

Il tempo origine indica il momento in cui è iniziata la rottura lungo la superficie di faglia.

I tempi sono espressi secondo il fuso orario di riferimento UTC.
Le coordinate geografiche dell'epicentro sono riferite al datum WGS84.
La profondità dell'ipocentro indica la distanza dalla superficie terrestre del punto in cui è iniziata la rottura lungo la superficie di faglia.

La grandezza del terremoto è caratterizzata tramite la stima di magnitudo calcolata usualmente secondo la scala di magnitudo locale (ML) utilizzata dalle procedure operative della rete sismica regionale dell'Italia nord-occidentalerete sismica regionale.

Indicazioni per la consultazione dei dati

I simboli rappresentano gli epicentri dei sismi, con dimensione funzione della magnitudo e con colore funzione del tempo trascorso dal tempo origine al momento della consultazione (si veda in legenda).