Centro funzionale
Notizie

21 maggio 2018 - Allerta gialla per precipitazioni intense sul settore appenninico
Il posizionamento di un minimo sul Golfo Ligure determina rovesci intensi e loca...

19 maggio 2018 - Confermata allerta gialla per temporali
Un minimo barico in quota è in discesa dalla Germania verso il settore settentri...

18 maggio 2018 - Allerta gialla nel fine settimana per temporali
La progressiva discesa di una moderata circolazione ciclonica dal Mare del Nord ...

17 maggio 2018 - Weekend all’insegna dell’instabilità. Il video per l’escursionista
Il nordovest italiano rimane in un contesto debolmente ciclonico che favorisce c...

16 maggio 2018 - Sopralluogo sul torrente Cervo per presenza di schiuma
Nella mattinata del 14 maggio scorso, a seguito di diverse segnalazioni pervenut...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

17/05/2018 E' online il nuovo VIDEO sulla situazione meteorologica per il Weekend sulle montagne piemontesi


20/04/2018 E' online l'ultimo video sulle condizioni nivo-valanghive in Piemonte per il weekend del 21-22 Aprile 2018

15/11/2017 Consultabile il 'Rendiconto nivometrico' della stagione invernale 2016-2017

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata >

08/09/2017 Disponibili gli ultimi aggiornamenti della Banca Dati Meteorologica e della Banca Dati Idrologica


Rischi » Rischio Idrogeologico » Frane superficiali » Scenario attuale
 

FRANE SUPERFICIALI - Valutazione emessa il 23-05-2018 alle ore 12:00 e valida 36 ore

SCENARIO ATTUALE

Nota: Non si evidenziano probabilità significative per l'innesco di frane superficiali.

 

Probabilità di innesco
 
Nulla da segnalare
 
 
Inneschi isolati di frane
superficiali e/o fenomeni 
           di ruscellamento diffuso
 
 
Inneschi poco 
diffusi (<10/km²)
di frane superficiali
 
 
Inneschi 
diffusi (>10/km²)
di frane superficiali
 

 

La valutazione sulla probabilità di innesco delle frane superficiali in Piemonte è operata quotidianamente dal Centro Funzionale sulla base delle simulazioni prodotte dal modello SMART. Per le frane superficiali il modello SMART distingue due macrozone, denominate “Zone Omogenee”, caratterizzate da due differenti set di soglie. L'intersezione tra le suddette Zone Omogenee e le zone di allerta del Sistema di Allertamento Regionale produce delle aree elementari dedicate alla sola pericolosità per frana superficiale Approfondimenti.