Centro funzionale
Notizie

22 marzo 2019 - Aumento dell'instabilità del manto nevoso per il rialzo dello zero termico
Continua questa anomala stagione invernale con una settimana trascorsa all'inseg...

22 marzo 2019 - #giornatamondialedellacqua: Non lasciamo nessuno indietro
Non lasciamo nessuno indietro (Leaving no one behind) è il tema di quest'anno pe...

21 marzo 2019 - Intervento di Arpa nel Torrente Cervetto di Vercelli. Gli esiti delle analisi
Il 13 febbraio scorso Arpa Piemonte, congiuntamente ai Vigili Urbani, era interv...

15 marzo 2019 - Instabilità del manto nevoso per aumento dello zero termico. Il video del pericolo valanghe
Continua questa anomala stagione invernale caratterizzata da scarse nevicate e r...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

22/03/2019 E' online il video bollettino valanghe per il fine settimana del 23-24 marzo 2019

21/03/2019 E' online il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 23-24 marzo 2019 sulle montagne piemontesi


21/12/201 Avviato progetto MISTRAL per la realizzazione del portale della meteorologia italiana

06/07/2018 Realizzato un nuovo servizio di 'richiesta automatica dei dati idro-meteorologici orari'

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata


Rischi » Valanghe » Pericolo valanghe » Manto nevoso
 

Dati aggiornati: 25-03-2019, entro le ore 16:00

Sui settori di confine occidentali e settentrionali, alle quote più elevate sui pendii in ombra, è ancora possibile trovare della neve a debole coesione relativa alle ultime nevicate (risalenti a 15-18 marzo, ormai oltre una settimana). Questa neve potrà ancora essere spostata e dare origine a nuovi piccoli lastroni. Alle restanti quote ed esposizioni la neve presenta perlopiù croste da fusione e rigelo stabili che con le temperature basse dei prossimi giorni non subiranno una fusione significativa. In generale si consiglia di prestare attenzione alle superfici lisce e ghiacciate al mattino soprattutto nell’attraversamento di pendii ripidi e al pericolo di scivolamento e caduta che potrebbe derivare dal distacco di piccole placche da vento. Negli ultimi giorni l’attività valanghiva è stata scarsa o assente in tutti i settori.