Centro funzionale
Notizie

21 maggio 2018 - Allerta gialla per precipitazioni intense sul settore appenninico
Il posizionamento di un minimo sul Golfo Ligure determina rovesci intensi e loca...

19 maggio 2018 - Confermata allerta gialla per temporali
Un minimo barico in quota è in discesa dalla Germania verso il settore settentri...

18 maggio 2018 - Allerta gialla nel fine settimana per temporali
La progressiva discesa di una moderata circolazione ciclonica dal Mare del Nord ...

17 maggio 2018 - Weekend all’insegna dell’instabilità. Il video per l’escursionista
Il nordovest italiano rimane in un contesto debolmente ciclonico che favorisce c...

16 maggio 2018 - Sopralluogo sul torrente Cervo per presenza di schiuma
Nella mattinata del 14 maggio scorso, a seguito di diverse segnalazioni pervenut...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

17/05/2018 E' online il nuovo VIDEO sulla situazione meteorologica per il Weekend sulle montagne piemontesi


20/04/2018 E' online l'ultimo video sulle condizioni nivo-valanghive in Piemonte per il weekend del 21-22 Aprile 2018

15/11/2017 Consultabile il 'Rendiconto nivometrico' della stagione invernale 2016-2017

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata >

08/09/2017 Disponibili gli ultimi aggiornamenti della Banca Dati Meteorologica e della Banca Dati Idrologica


Rischi » Valanghe » Pericolo valanghe » Manto nevoso
 

Dati aggiornati: 18-05-2018, entro le ore 16:00

I cristalli che costituiscono la parte centrale e basale del manto nevoso sono prevalentemente rappresentati da forme fuse, formatisi in condizioni di temperature prossime a 0°C; in questi strati non sono presenti evidenti discontinuità interne. La porzione superficiale del manto nevoso, invece, è quella maggiormente instabile: le ultime precipitazioni hanno apportato in quota strati di neve pallottolare di dimensioni rilevanti (fino ad 2-3cm) e il vento ha determinato la formazione di lastroni soprattutto sopra i 2700m di quota. La neve pallottolare risulta piuttosto insidiosa perché è difficilmente individuabile e rappresenta un pericoloso piano di scivolamento per i lastroni soffici che localmente possono ricoprirla. Negli ultimi giorni sono state segnalate valanghe generalmente di piccole e medie dimensioni, sia a debole coesione che a lastroni, soprattutto sopra i 2500-2800m.