Centro funzionale
Notizie

24 maggio 2019 - Il Bollettino meteorologico in formato XML - Xtensible Markup Language
Prosegue il percorso di Arpa Piemonte verso la massima accessibilità ai dati e a...

23 maggio 2019 - Tempo perturbato sabato, variabile domenica. Il video per l'escursionista
La presenza di un'area di bassa pressione sul Mediterraneo occidentale alimenta ...

22 maggio 2019 - Aprile 2019 piovoso e leggermente caldo
In Piemonte nel mese di aprile 2019 le precipitazioni sono state superiori alla ...

17 maggio 2019 - Allerta gialla per rischio idrogeologico sul Piemonte sudoccidentale
Oggi e di domani una profonda saccatura di origine atlantica si posiziona sul Me...

17 maggio 2019 - Il 15 maggio si è aperta la stagione balneare in Piemonte
Mercoledì 15 maggio si è aperta la stagione balneare in Piemonte (D.D. N. 251 de...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

23/05/2019 E' online il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 25-26 maggio 2019


17/05/2019 Disponibili le elaborazioni dei 'Gradi Giorno' per la stagione invernale 2018/2019

10/05/2019 E' online il video con le condizioni di innevamento in Piemonte e le indicazioni di carattere generale per le escursioni primaverili

21/12/2018 Avviato progetto MISTRAL per la realizzazione del portale della meteorologia italiana

06/07/2018 Realizzato un nuovo servizio di 'richiesta automatica dei dati idro-meteorologici orari'


Rischi » Vigilanza Meteo » Temperature
 

Previsioni di anomalia termica emesse il 24-05-2019

Prossimo aggiornamento: 25-05-2019 entro le ore 13

24-05-2019

25-05-2019

26-05-2019

La previsione di anomalia termica si basa sul confronto tra la temperatura estrema prevista su ciascuna area di allertamento ed i valori medi climatologici di  temperatura minima e massima calcolati sul periodo di riferimento 1991-2015.

In particolare, da novembre a marzo sono analizzate le condizioni di anomalia di freddo, prendendo in esame le temperature minime, mentre da maggio a settembre sono analizzate le condizioni di anomalia di caldo, valutando i valori massimi; ad aprile e ottobre si valutano entrambe.

A seconda delle caratteristiche orografiche prevalenti in ciascuna zona di allerta sono individuate delle fasce altimetriche di riferimento su cui calcolare i valori di temperatura estrema. Le temperature medie areali previste, oltre a rapportarsi con i valori percentili della distribuzione, devono superare o essere inferiori ad alcune soglie di temperatura identificando 3 classi di intensità:

 

Elevata (molto calda o molto fredda).

Moderata (calda o fredda).

Assente o debole (nella norma del periodo).

 

La previsione è emessa ogni giorno entro le 13.