Centro funzionale
Notizie

14 gennaio 2019 - Livelli di PM10 nel 2018: per la prima volta il valore limite della media annuale rispettato in tutto il Piemonte
Da una prima valutazione dei dati di PM10 misurati nell’anno appena trascorso, d...

11 gennaio 2019 - Risultati sondaggio CLIMAERA
Sono disponibili i risultati relativi al sondaggio "Essere protagonisti dell'ari...

11 gennaio 2019 - Pericolo valanghe due moderato sulle Alpi settentrionali, uno debole altrove
A caratterizzare la settimana sono state correnti fredde e secche che da mercole...

10 gennaio 2019 - Weekend con vento e condizioni di foehn. Il video per l’escursionista
Il fine settimana del 12 e 13 gennaio sarà caratterizzato da forte vento in quot...

10 gennaio 2018 - Galaverna ieri in alcune zone dell'alessandrino
Nella giornata di ieri 9 gennaio, si è osservato, in più parti dell’alessandrino...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

10/01/2019 E' online il nuovo VIDEO sulla situazione meteorologica per il fine settimana del 12-13 Gennaio 2019 sulle montagne piemontesi


11/01/2019 E' online il video bollettino valanghe per il fine settimana del 12-13 gennaio 2019

21/12/201 Avviato progetto MISTRAL per la realizzazione del portale della meteorologia italiana

06/07/2018 Realizzato un nuovo servizio di 'richiesta automatica dei dati idro-meteorologici orari'

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata


Rischi » Vigilanza Meteo » Temperature
 

Previsioni di anomalia termica emesse il 16-01-2019

Prossimo aggiornamento: 17-01-2019 entro le ore 13

16-01-2019

17-01-2019

18-01-2019

La previsione di anomalia termica si basa sul confronto tra la temperatura estrema prevista su ciascuna area di allertamento ed i valori medi climatologici di  temperatura minima e massima calcolati sul periodo di riferimento 1991-2015.

In particolare, da novembre a marzo sono analizzate le condizioni di anomalia di freddo, prendendo in esame le temperature minime, mentre da maggio a settembre sono analizzate le condizioni di anomalia di caldo, valutando i valori massimi; ad aprile e ottobre si valutano entrambe.

A seconda delle caratteristiche orografiche prevalenti in ciascuna zona di allerta sono individuate delle fasce altimetriche di riferimento su cui calcolare i valori di temperatura estrema. Le temperature medie areali previste, oltre a rapportarsi con i valori percentili della distribuzione, devono superare o essere inferiori ad alcune soglie di temperatura identificando 3 classi di intensità:

 

Elevata (molto calda o molto fredda).

Moderata (calda o fredda).

Assente o debole (nella norma del periodo).

 

La previsione è emessa ogni giorno entro le 13.