Centro funzionale
Notizie

29 marzo 2020 - In arrivo piogge diffuse e nevicate in montagna con quota neve in progressivo calo
Nel pomeriggio odierno la discesa di una saccatura polare dalla Scandinavia vers...

24 marzo 2020 - Pubblicati i primi dati del 2019 sulla qualità dell’aria a Torino e provincia
 "Uno sguardo all'aria" curato da Città Metropolitana di Torino e da Arpa Piemon...

20 marzo 2020 - Inizio della primavera con forte diminuzione delle temperature
L’avvicinarsi di un minimo freddo dall’Europa nord-orientale nella giornata di d...

19 marzo 2020 - Video meteo dedicato agli escursionisti sospeso fino a fine emergenza
Alla luce delle disposizioni governative per l'emergenza del Coronavirus che l'I...

19 marzo 2020 - Febbraio 2020 caldo e secco
In Piemonte febbraio 2020 ha avuto una temperatura media di circa 5.5°C con un’a...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

13/03/2020 E' online il video con le attività del Servizio Nivologico di Arpa Piemonte durante l'emergenza sanitaria

19/03/2020 E' on-line il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 21-22 marzo 2020


19/11/2019 Disponibile il Rendiconto nivometrico della stagione invernale 2018/2019


Bacheca » Evento alluvionale novembre 1994
 

Alluvione del novembre 1994: per il ventennale dell'evento si propone una sintesi idro-meteorologica di quanto successo

Il 4, 5 e 6 novembre 1994 una profonda depressione atlantica estesa dall’Islanda fino al Mediterraneo occidentale, ostacolata nel suo transito verso est da un’area di alta pressione sull’Europa orientale, ha determinato un intenso flusso di correnti umide provenienti dai quadranti meridionali sul Piemonte. In particolare la convergenza tra il flusso in quota da sudovest e quello negli strati più bassi da sudest, associato alla presenza di un low level jet prefrontale sul Tirreno, hanno determinato forti precipitazioni a carattere persistente. Sul settore nordoccidentale del Piemonte sono caduti fino a 550 mm di pioggia dal 4 al 6 novembre, sul settore appenninico tra i 250 e i 300 mm, determinando effetti devastanti sull’intero settore meridionale della regione, ed in particolare lungo l’asta del Tanaro e del Po nella provincia di Alessandria. La quota delle nevicate si è mantenuta elevata nel corso dell’evento, a causa del lento fluire di aria umida di origine atlantica che ha innalzato la quota dello zero termico fino a 3000 m, per abbassarsi solo verso la fine dell’evento.

In occasione del ventennale dell’evento proponiamo la sintesi idro-meteorologica dell’evento realizzata allora, anche al fine di evidenziare le differenze tra quanto previsto per i prossimi giorni.