Centro funzionale
Notizie

23 novembre 2020 - La lotta al cambiamento climatico può iniziare da casa nostra
Quest'anno la Settimana Unesco per l'Educazione alla Sostenibilità 2020, che pre...

18 novembre 2020 - Conoscere il territorio per gestire il rischio valanghe, il 30 novembre il webinar
Il prossimo 30 novembre con un webinar Arpa presenterà la nuova edizione del Ren...

16 novembre 2020 - Odore di idrocarburi nel novese. Scoperta la causa
Nei giorni scorsi numerose chiamate di cittadini hanno segnalato un forte odore ...

12 novembre 2020 - Evento conclusivo del progetto Mistral, per un portale meteorologico nazionale
 

4 novembre 2020 - Nuovo servizio sui gradi giorno da riscaldamento
Sul GeoPortale di Arpa Piemonte da oggi è disponibile il nuovo servizio WebGIS r...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

13/03/2020 E' online il video con le attività del Servizio Nivologico di Arpa Piemonte durante l'emergenza sanitaria

19/03/2020 E' on-line il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 21-22 marzo 2020


19/11/2019 Disponibile il Rendiconto nivometrico della stagione invernale 2018/2019


Approfondimenti » Terremoti » Rete sismica » Configurazione rete sismica
 

Dotazione strumentale

Le stazioni utilizzate per il monitoraggio del territorio piemontese sono teletrasmittenti in tempo reale verso i centri di elaborazione dei dati, situati presso il Laboratorio di Sismologia dell'Università di Genova e il Centro Funzionale di Arpa Piemonte a Torino.
Per una rete sismica volta al rilevamento e alla localizzazione in tempo reale dei fenomeni sismici è infatti importante la centralizzazione dei segnali rilevati dai sensori remoti dislocati sul territorio e trasmessi in tempo reale; per la sincronizzazione dei segnali deve essere inoltre disponibile un sistema di calibrazione degli orari degli strumenti.

Le caratteristiche dei sensori devono essere adeguate al rilevamento della sismicità locale e regionale, in termini sia di bande di frequenza dello spettro di risposta sia di dinamica dei segnali acquisiti.
Le stazioni della rete regionale sono equipaggiate con sensori velocimetrici a banda larga o molto larga (Nanometrics Trillium 40 o 240, fig. 1) e digitalizzatori ad alta dinamica (Nanometrics Taurus e Trident, fig. 2). I velocimetri utilizzati sono a 3 componenti ortogonali simmetriche per ricostruire completamente lo scuotimento indotto nello spazio e forniscono una risposta piatta per frequenze da 50 Hz a 40 s, con soglia di saturazione di oltre 5 mm/s (Nanometrics Trillium 40), o da 35 Hz a 240 s, con soglia di saturazione di 16 mm/s fino a 10 Hz (Nanometrics Trillium 240). Alcuni siti sono anche dotati di sensori accelerometrici (Kinemetrics Episensor, Metrozet TSA-100S). I digitalizzatori (Nanometrics Taurus e Trident) garantiscono una dinamica di circa 140 dB.
I segnali sono sincronizzati tramite sistema GPS. Le connessioni sono controllate via UDP per la trasmissione in tempo reale dei segnali ai centri di elaborazione dei dati sismici. La trasmissione dei dati dalle stazioni al centro di elaborazione di Genova avviene tramite connessioni cablate o via radio (sia satellitare sia cellulare terrestre). Dal centro dati di Genova i segnali sono condivisi tramite protocolli Nanometrics e SeedLink con i server degli altri centri di elaborazione, in primo luogo quello di Arpa Piemonte a Torino e quelli degli altri partner italiani ed europei.

 

 

Fig. 1. Sismometro Trillium 40 installato nella stazione di Piancastagna.

Fig. 2. Digitalizzatore Taurus installato nella stazione di Sant'Anna di Valdieri.