Centro funzionale
Notizie

29 maggio 2020 - I risultati del monitoraggio della qualità dell'aria a Govone
Sono qui disponibili i risultati della campagna di misura della qualità dell’ari...

27 maggio 2020 - 12 giugno presentazione dello stato dell'ambiente
Quest'anno la presentazione annuale dello stato dell'ambiente in Piemonte avverr...

27 maggio 2020 - Aprile 2020 caldo e secco
In Piemonte aprile 2020 ha avuto una temperatura media di circa 10°C, con un’ano...

17 maggio 2020 - Abbondanti piogge nella notte. Attesi aumenti dei livelli del Po a Torino
Il maltempo che sta interessando il Piemonte da qualche giorno ha portato nella ...

15 maggio 2020 - Prevista ancora instabilità, con rovesci e temporali sul Piemonte
Un minimo depressionario di origine atlantica, responsabile delle forti precipit...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

13/03/2020 E' online il video con le attività del Servizio Nivologico di Arpa Piemonte durante l'emergenza sanitaria

19/03/2020 E' on-line il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 21-22 marzo 2020


19/11/2019 Disponibile il Rendiconto nivometrico della stagione invernale 2018/2019


Approfondimenti » Rischio Idrogeologico » Frane superficiali » Modello-SLOPS
 

Modello SLOPS (Shallow Landslides Occurence Prediction System)

SLOPS è un modello per il preannuncio delle frane superficiali basato su soglie pluviometriche e opera sia in fase previsionale che in fase di monitoraggio, in analogia con l’impostazione del Sistema di Allertamento Regionale.

SLOPS distingue diverse unità territoriali di base (Landslides Frequency Zonation), ottenute dell’intersezione tra i poligoni delle aree elementari, derivanti dall’incrocio di mappe tematiche categoriche (litologia e suolo), e la mappa di densità delle frane storiche occorse tra il 1990 e il 2016 (circa 33000 frane superficiali). Si ottiene così la Mappa di suscettibilità per l’innesco di frane superficiali su cui lo SLOPS si basa per definire il massimo numero atteso (Low, Moderate, High, Very High) di fenomeni franosi al superamento delle soglie di innesco per una data area.

 

 

 

 

Le soglie pluviometriche sono del tipo I-D (trasformate in Cumulata-Durata), ottenute dell’elaborazione statistica delle frane storiche e delle piogge che le hanno causate.

 

Analizzando gli eventi di frana diffusi e le piogge ad esse correlate per i due diversi ambiti territoriali, l’alpino ed il collinare/appenninico, si sono ottenute le minime soglie di innesco tipiche di ogni ambiente considerato.


  

  


Tra le soglie di base si articolano tante soglie quanti sono i pluviometri di riferimento inseriti nel modello.

Le soglie sono di tipo probabilistico, dove la probabilità che una o più frane si inneschino è funzione dell’entità del superamento:

 

- nessuna probabilità – il valore soglia non è raggiunto;

- bassa probabilità – il valore soglia è raggiunto e/o superato del 10%;

- media probabilità – il valore soglia è superato

tra l’11% e il 30%;

- alta probabilità – il valore soglia è superato

tra il 31% e il 50%;

- molto alta probabilità – il valore soglia è superato

per più del 50%;

 

 

Quando una soglia viene raggiunta/superata si evidenzierà uno Scenario di Innesco avente una certa probabilità di accadimento a seconda dell’entità del superamento della soglia, come precedentemente enunciato, secondo il seguente schema.

 

                                              

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

Di conseguenza avremo: nessuna probabilità associata solo ed esclusivamente allo Scenario “Assenti (A)”; una bassa probabilità di accadimento sarà associata esclusivamente allo Scenario “Isolati (I)”; la media probabilità sarà associata agli Scenari “Isolati” e “Poco o moderatamente diffusi (P)”; le probabilità alta e molto alta si potranno verificare con gli Scenari “Isolati (I)”, “Poco o moderatamente diffusi (P)” e “Diffusi o molto diffusi (D)”.

 

La sintesi delle valutazioni sugli Scenari di Innesco per le frane superficiali è riferita alle 11 Aree di Allerta del Sistema di Allerta Regionale per il Rischio Idrogeologico ed Idraulico (D.G.R. n. 30 luglio 2007, n. 46-6578).

 

Il “Bollettino di valutazione innesco frane superficiali” è emesso quotidianamente, eccezion fatta per i fine settimana e giorni festivi in assenza di allerta arancione o superiore.  In caso di allerta arancione o superiore emessa dal Sistema di Allerta Regionale, il bollettino viene diffuso con frequenza di emissione variabile in funzione delle caratteristiche dell’evento.

 

Le valutazioni riguardanti la probabilità di innesco di frane superficiali ottenute con il modello SLOPS sono ad aggiornamento orario, mentre il bollettino è emesso con cadenza giornaliera.

Riferimenti

Tiranti D., Nicolò G., Gaeta A. R. (2019) Shallow landslides predisposing and triggering factors in developing a regional early warning system. Landslides 16:2, 235-251. doi:10.1007/s10346-018-1096-8