Centro funzionale
Notizie

22 marzo 2019 - Aumento dell'instabilità del manto nevoso per il rialzo dello zero termico
Continua questa anomala stagione invernale con una settimana trascorsa all'inseg...

22 marzo 2019 - #giornatamondialedellacqua: Non lasciamo nessuno indietro
Non lasciamo nessuno indietro (Leaving no one behind) è il tema di quest'anno pe...

21 marzo 2019 - Intervento di Arpa nel Torrente Cervetto di Vercelli. Gli esiti delle analisi
Il 13 febbraio scorso Arpa Piemonte, congiuntamente ai Vigili Urbani, era interv...

15 marzo 2019 - Instabilità del manto nevoso per aumento dello zero termico. Il video del pericolo valanghe
Continua questa anomala stagione invernale caratterizzata da scarse nevicate e r...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

22/03/2019 E' online il video bollettino valanghe per il fine settimana del 23-24 marzo 2019

21/03/2019 E' online il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 23-24 marzo 2019 sulle montagne piemontesi


21/12/201 Avviato progetto MISTRAL per la realizzazione del portale della meteorologia italiana

06/07/2018 Realizzato un nuovo servizio di 'richiesta automatica dei dati idro-meteorologici orari'

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata


Approfondimenti » Vigilanza Meteo » Fenomeni meteo » Pioggia
 

Pioggia

Tra le variabili meteorologiche la precipitazione a carattere piovoso o nevoso, insieme al limite di quota in cui si ha la trasformazione della precipitazione tra i due stati, è senza dubbio la variabile meteorologica che ha il maggiore impatto nella genesi delle situazioni di potenziale pericolo di tipo idrogeologico e nivologico.
I fenomeni alluvionali con esondazione di bacini idrografici di media ed ampia superficie sono normalmente determinati da piogge intense e persistenti mentre i processi di versante e gli allagamenti in prossimità di piccoli torrenti e rii sono frequentemente innescati da fenomeni  temporaleschi di breve durata ma di notevole intensità, talvolta accompagnati da grandine.
Nelle zone in cui le piogge sono frequenti il terreno possiede una maggiore capacità di assorbimento delle precipitazioni e pertanto le soglie di innesco risultano più alte rispetto ad un’area abitualmente meno interessata da piogge.

 

La pioggia viene espressa in classi di intensità:

 

Scale di piovosità
Intensità della pioggiamm/6hmm/12hmm/24hmm/36h
Debole 0÷5 0÷10 0÷15 0÷18
Moderata 5÷15 10÷30 15÷45 18÷54
Forte 15÷30 30÷60 45÷90 54÷108
Molto Forte >30 >60 >90 >108

 

 

Nel quadro di sintesi dei pericoli meteo per ciascuna delle 11 zone di allerta viene colorata l'area sulla base della pioggia prevista nelle 36 ore di validità dell'allerta mentre i fenomeni sono espressi dalle icone.

E' possibile anche vedere la quantità di precipitazione massima e media (pioggia o neve) prevista ogni 6 ore su ogni area

Precipitazioni ogni 6 h