Centro funzionale
Notizie

16 aprile 2021 - Schiume sul Po nel tratto torinese: diverse le sorgenti
Conil progressivo aumentodella quantità di acqua all’interno dei bacini idrici s...

16 aprile 2021 - Protocollo antismog: i dati dal 1 ottobre 2020 al 15 aprile 2021
Anche per l’inverno appena trascorso la Regione Piemonte ha adottato un protocol...

15 aprile 2021 - Qualità dell'aria in Piemonte: primo bilancio delle polveri sottili nel 2021
Il bilancio provvisorio dell’andamento della qualità dell’aria, in particolare d...

9 aprile 2021 - Allerta gialla da domani sera per temporali sull'Appennino
Dopo un lungo periodo di generale stabilità atmosferica, dal pomeriggio odierno ...

8 aprile 2021 - 7 e 8 aprile 2021: freddo record sul Piemonte
Un afflusso di aria fredda di origine polare ha causato valori di temperatura in...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

5/03/2021 E' online il videobollettino valanghe per il weekend del 6-7 marzo 2021

19/03/2020 E' on-line il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 21-22 marzo 2020


19/11/2019 Disponibile il Rendiconto nivometrico della stagione invernale 2018/2019


Approfondimenti » Neve » Rilevamento Dati Neve » Profili manto nevoso e test stabilità
 

Il profilo stratigrafico della copertura nevosa è una puntuale e sistematica osservazione delle caratteristiche fisiche e meccaniche dei diversi strati costituenti il manto nevoso indisturbato (fig.1).

Lungo il profilo verticale, scavato fino al terreno, vengono eseguite una serie di osservazioni e/o misure (fig.2):

  • potenza dello strato
  • contenuto in acqua liquida
  • forma e dimensione dei grani (fig.3)
  • indice di durezza, densità
  • temperature della neve a distanze prefissate (ogni 10 cm per il primo metro dalla superficie, poi ogni 20 cm fino alla base).

La misura delle temperature della neve vengono condotte al fine di poter ricostruire il profilo delle temperature e quindi calcolare il gradiente di temperatura nelle singole parti della sezione e il gradiente medio dell’intero spessore.

 

 

       

         

             

 
   Fig.1-Esempio di Profilo del manto nevoso    Fig.2- Analisi degli strati di neve

 

 

 

L’indice di durezza viene determinato a livello di singolo strato, mediante il test della mano, e in modo continuo mediante l’uso di una sonda a percussione o battage (fig.4).

Obiettivo principe dell’esecuzione del profilo del manto nevoso è l’indagine delle caratteristiche fisico-meccaniche dei diversi strati della copertura nevosa al fine dell’individuazione di eventuali strati deboli e potenziali instabilità. Vi è poi la valutazione della tendenza evolutiva morfologica e meccanica del manto nevoso, grazie al monitoraggio della sua struttura e delle trasformazioni termodinamiche in atto al suo interno.

 

           

  

               

                                    
   Fig. 3 - Analisi dei cristalli di neve    Fig.4 - Prova di resistenza degli strati

 

Per completare l'analisi del manto nevoso si eseguono dei test di stabilità:  insieme di procedure operative grazie alle quali è possibile definire le condizioni di equilibrio del manto nevoso, verificare la presenza, la collocazione e le caratteristiche di eventuali strati deboli in manto, valutare lo spessore del lastrone che potrebbe distaccarsi.

Le indicazioni sul grado di stabilità del manto sono ricavabil per via diretta o indiretta.

I test indiretti indicano il perchè un distacco possa verificarsi, in quanto prove che vanno ad investigare la struttura del manto nevoso, quali il profilo stratigrafico, la prova penetrometrica.

I test diretti indicano che cosa potrebbe accadere perturbando in qualche modo l’equilibrio del manto nevoso. Essi sono essenzialmente i test di stabilità, quali Rutschblock, Compression, Extended Column (fig.5), Propagation Saw tests.

(cfr: B.Frigo, MC Prola, M.Faletto: Valutazione della stabilità del manto nevoso: linee guida per la raccolta e l'interpretazione dei dati, Regione Autonoma Valle d'Aosta)

 

 
 Fig.5 - ECT Extended Column Test