Centro funzionale
Notizie

25 aprile 2019 - Rovesci e temporali sul settore nordoccidentale del Piemonte. Nevicate al di sopra dei 1600 m. Allerta gialla
Persistono ancora condizioni instabili, con rovesci e temporali anche di forte i...

24 aprile 2019 - Condizioni di variabilità nel ponte del 25-28 aprile 2019 . Il video per l'escursionista
Il ponte del 25-28 aprile 2019 in Piemonte sarà caratterizzato da condizioni di ...

22 aprile 2019 - Allerta gialla per precipitazioni intense
La risalita di una depressione dalle coste algerine fino al Mar Ligure provoca u...

22 aprile 2019 - Arpa al Villaggio per la Terra
A pochi giorni dalla scadenza del concorso nazionale Un video per la Climate son...

19 aprile 2019 - Pericolo valanghe in aumento per riscaldamento diurno
Dopo le deboli nevicate dello scorso fine settimana, le condizioni meteorologich...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

24/04/2019 E' online il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il ponte del 25-28 aprile 2019


19/04/2019 E' online il video bollettino valanghe per il fine settimana Pasquale 2019

21/12/2018 Avviato progetto MISTRAL per la realizzazione del portale della meteorologia italiana

06/07/2018 Realizzato un nuovo servizio di 'richiesta automatica dei dati idro-meteorologici orari'

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata


Approfondimenti » Meteo » Strumenti di osservazione » Satellite
 

METEOSAT SECOND GENERATION (MSG)

Arpa Piemonte gestisce un sistema di ricezione primario di immagini satellitari Meteosat Second Generation.

Il sistema è composto da una antenna parabolica (diametro 120 cm), più una serie di server per:

- la ricezione dei dati grezzi;

- l'elaborazione delle immagini;

- la visualizzazione;

- l'archiviazione per il backup periodico su DVD.

I satelliti MSG-1, MSG-2, MSG-3 e MSG-4 (Meteosat 8, 9, 10 e 11) si trovano in un’orbita geostazionaria ad una quota di circa 36000 Km sulla verticale dell’equatore terrestre, ed avendo a quella quota lo stesso periodo di rotazione del nostro pianeta, si trovano sempre in corrispondenza dello stesso meridiano (longitudine 0°).

 

(Tutte le immagini Meteosat sono coperte dal copyright EUMETSAT, e sono ottenute tramite licenza rilasciata dal Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare)

Il sensore montato sui satelliti MSG (chiamato SEVIRI) è in grado di rilevare la

radiazione riflessa ed emessa dalla Terra in 12 bande spettrali, dal visibile all’infrarosso, con una risoluzione temporale di 15 minuti.

La risoluzione spaziale di MSG è di 3 Km per tutti i canali, e di 1 Km per la banda HRV (visibile ad alta risoluzione).

I dati grezzi rilevati da MSG vengono ricevuti nella sede principale dell’EUMETSAT, l'organizzazione europea che gestisce i satelliti, a Darmstadt in Germania, dove sono preprocessati (calibrati e georeferenziati), e poi inviati a dei satelliti radiotelevisivi che li ridistribuiscono a tutti gli utenti abilitati nel mondo, tra cui Arpa Piemonte, mediante il sistema di trasmissione EUMETCast.

In generale, i satelliti meteorologici permettono di sapere “che tempo fa” sull'intero globo terrestre. Inoltre dalle relative immagini si possono ricavare informazioni utili, ad esempio, sulla neve al suolo, sulla temperatura del mare, sull'altezza e sulla temperatura delle nubi, sulla presenza di incendi, etc ......

Le immagini di MSG costituiscono un utile supporto al meteorologo, sia in fase di analisi, sia nella formulazione di una previsione a “breve termine”, che risulta tanto più accurata quanto più tali immagini vengono combinate con i dati meteorologici rilevati al suolo e nella libera atmosfera, con le misure radarmeteorologiche, nonché con le elaborazioni dei modelli di previsione (vedere esempi nelle immagini seguenti).

Fig.1: un modellino in scala del satellite MSG

Fig.2: immagine Airmass del 07/02/2011 alle ore 13:30 UTC

 

Fig.4: immagine HRV cloud del 01/11/2010 alle ore 12:00 UTC

Fig.3: immagine HRV Natural Colors del 07/02/2011 alle ore 13:30 UTC

Fig.5: Fenomeni convettivi intensi (temporali) sul Piemonte il 24/06/2006 alle ore 16:00 UTC - banda HRV