Centro funzionale
Notizie

22 marzo 2019 - Aumento dell'instabilità del manto nevoso per il rialzo dello zero termico
Continua questa anomala stagione invernale con una settimana trascorsa all'inseg...

22 marzo 2019 - #giornatamondialedellacqua: Non lasciamo nessuno indietro
Non lasciamo nessuno indietro (Leaving no one behind) è il tema di quest'anno pe...

21 marzo 2019 - Intervento di Arpa nel Torrente Cervetto di Vercelli. Gli esiti delle analisi
Il 13 febbraio scorso Arpa Piemonte, congiuntamente ai Vigili Urbani, era interv...

15 marzo 2019 - Instabilità del manto nevoso per aumento dello zero termico. Il video del pericolo valanghe
Continua questa anomala stagione invernale caratterizzata da scarse nevicate e r...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

22/03/2019 E' online il video bollettino valanghe per il fine settimana del 23-24 marzo 2019

21/03/2019 E' online il nuovo VIDEO sulla previsione meteorologica per il fine settimana del 23-24 marzo 2019 sulle montagne piemontesi


21/12/201 Avviato progetto MISTRAL per la realizzazione del portale della meteorologia italiana

06/07/2018 Realizzato un nuovo servizio di 'richiesta automatica dei dati idro-meteorologici orari'

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata


Approfondimenti » Meteo » Strumenti di osservazione » Pluviometro
 

TECNOLOGIA E FUNZIONAMENTO

 

Il sensore funziona secondo un procedimento meccanico:
la precipitazione di acqua, passando attraverso una bocca tarata di 1000 cm², confluisce in un contenitore a bascula in equilibrio su alcuni supporti progettati per ridurre al minimo l'attrito.
La bascula raccoglie acqua finché il peso (equivalente a 0.2 mm di pioggia caduta) non ne provoca il capovolgimento. Ad ogni capovolgimento della bascula viene generato ed inviato all'unità di acquisizione un impulso elettrico: il numero degli impulsi trasmessi fornisce la misura della quantità d'acqua caduta.
 
La struttura meccanica consente di effettuare una taratura molto precisa dello strumento; le rilevazioni vengono poi elaborate dal software che opera a livello della stazione. Il software gioca un ruolo fondamentale perché depura il segnale dall'errore sistematico che si presenta quando l'aumento di intensità della precipitazione costringe la bascula a movimenti molto rapidi e continui innescando una sorta di "rimbalzo": la compensazione dell'errore garantisce una precisione del dato dal 5% fino al 2%. Il sensore risulta conforme alle Raccomandazioni W.M.O (World Meteorological Organization).

 

 

Particolare del pluviometro installato sul tetto del Museo Craveri di Bra (CN)


 

CARATTERISTICHE TECNICHE

 

PLUVIOMETRO
(modello PMB2 - CAE )
 
- Risoluzione: 0.2 mm di pioggia

- Vaschetta basculante con appoggio a coltello

- Bocca di raccolta di 1000 cm²

- Contatto magnetico reed

- Campo di misura: 0-300 mm/h

- Temperatura di lavoro: 0-60 ° C

- Dimensioni: 358x584 mm

- Peso: 7 Kg

PLUVIOMETRO RISCALDATO

(modello PMB2/R - CAE )
 

Stesse caratteristiche di misura del modello precedente e dotato inoltre di:
 

- Riscaldatore termostato da 350 W con alimentazione in bassa tensione a 24 V

- Funzionamento fino a -30 ° C

- Dimensioni: 400x548 mm

- Peso: 10.9 Kg