Centro funzionale
Notizie

15 novembre 2018 - Temperature in calo nel weekend. Il video per l’escursionista
L'area di bassa pressione in spostamento dai Balcani porterà un netto abbassamen...

13 novembre 2018 - Snpa ha collaborato al Rapporto Ecosistema Urbano di Legambiente
Lo scorso 29 ottobre a Milano Legambiente ha presentato l'edizione 2018 dell'Eco...

9 novembre 2018 - Cavallermaggiore: monitoraggio della qualità dell’aria
È iniziato l’8 novembre un monitoraggio della qualità dell’aria nel comune di Ca...

8 novembre 2018 - Fine settimana tipicamente autunnale con cielo grigio e piogge; più asciutto domenica con ampie schiarite nel pomeriggio. Il video per l’escursionista
Una saccatura atlantica continua a convogliare flussi umidi sudoccidentali sul P...

8 novembre 2018 - Allerta gialla per precipitazioni intense sugli Appennini
Un minimo di pressione sul mar Tirreno convoglia aria umida e instabile verso la...

Pubblicazioni
Accesso ai dati
Approfondimenti
Media gallery
Meteo per i siti web
FAQ

Novità nel sito

15/11/2018 E' online il nuovo VIDEO sulla situazione meteorologica per il fine settimana del 17 e 18 novembre 2018 sulle montagne piemontesi


06/07/2018 Realizzato un nuovo servizio di 'richiesta automatica dei dati idro-meteorologici orari'

20/04/2018 E' online l'ultimo video con le indicazioni di carattere generale sulla primavera 2018

15/11/2017 Consultabile il 'Rendiconto nivometrico' della stagione invernale 2016-2017

30/10/2017 Disponibili nuovi OPEN DATA sul clima nella sezione dedicata >


Approfondimenti » Meteo » Modellistica meteorologica » Verifica dei modelli
 

L’attività di verifica dei modelli previsionali

Uno dei principali aspetti per lo sviluppo di un modello è la verifica dell’affidabilità delle previsioni del modello stesso. Proprio la verifica risulta essere quindi uno degli aspetti di maggior importanza nelle attività di un servizio meteorologico, poiché permette di conoscere il comportamento del modello nelle diverse situazioni meteorologiche, evidenziarne le caratteristiche sistematiche, valutarne l’affidabilità, sia in termini medi sia estremi, sia su lunghi periodi, sia nella situazione corrente. Un buon sistema di verifica permette non solo di capire dove intervenire per apportare dei miglioramenti, ma soprattutto permette di utilizzare al meglio i campi previsti dal modello in funzione dell’obiettivo previsionale. La previsione quantitativa di precipitazione (Quantitative Precipitation Forecast) gioca un ruolo di fondamentale importanza a supporto del sistema di allertamento nazionale e regionale per la previsione e la prevenzione del rischio idrogeologico ed idraulico, e dunque la verifica di tale variabile diventa particolarmente rilevante anche dal punto di vista operativo.

Vengono calcolati gli indici statistici sulle aree di allertamento, sia sul lungo periodo, per valutare l'affidabilità media del modello, sia stagionalmente per valutare l'andamento in funzione delle caratteristiche climatiche e fenomenologiche diverse e delle modifiche che il modello, in continua evoluzione, subisce periodicamente. Tali indici sono calcolati anche in riferimento a macro aree omogenee dal punto di vista meteorologico e climatologico oppure morfologico, visto il ruolo che gioca l'orografia del nostro territorio nello sviluppo e nell'intensificazione dei fenomeni precipitativi.

Il lavoro di verifica, inoltre, si colloca all’interno delle attività previste dalla convenzione 2009- 2011 tra il Dipartimento della Protezione Civile e l’Arpa Piemonte in qualità di Centro di Competenza.

Parallelamente, come attività di ricerca per lo sviluppo ed il mantenimento del modello ad area limitata COSMO-Model, vengono portate avanti le attività di validazione (Work Group 5: Verification and Case Studies) per quel che concerne la verifica della precipitazione mediante l’uso della rete al suolo di dati osservati non-GTS ad alta risoluzione: in particolare vengono analizzate le differenti performances sul territorio italiano delle cinque versioni operative del COSMO-Model a 7km di risoluzione orizzontale, più precisamente COSMO-7 (versione svizzera sviluppata da MeteoSchweiz), COSMO-EU (versione tedesca sviluppata dal Deutscher Wetterdienst), COSMO-I7 (versione italiana sviluppata da Arpa-SIM e Arpa Piemonte), COSMO-ME (versione italiana sviluppata dall’Aeronautica Militare) e COSMO-GR (versione greca sviluppata da HMLM), e le due versioni a 2.8km di risoluzione orizzontale, COSMO-I2 (versione italiana sviluppata da Arpa-SIM e Arpa Piemonte) e COSMO-IT (versione italiana sviluppata dall’Aeronautica Militare).

Il dataset utilizzato (circa 1600 stazioni) è un network ad alta risoluzione di pluviometri distribuiti sul territorio italiano ad eccezione delle regioni Puglia e Sicilia: si utilizzano i dati osservati dai circa 370 pluviometri che Arpa Piemonte gestisce, i dati disponibili nell’ambito del progetto COSMO e i dati osservati dalla rete al suolo afferenti al sistema dei Centri Funzionali e attualmente disponibili presso il Dipartimento di Protezione Civile.

Fig. 1 Distribuzione delle stazioni usate per la verifica; in legenda i diversi gestori dei dati

 

Fig.2 Esempio di trend stagionale su lungo periodo del POD (probability of detection) calcolato per il run 00UTC del ECMWF e delle diverse versioni di COSMO-model, con soglia di 2mm/24h su ciascuna area di allertamento italiana.