Si conclude oggi l'emissione del bollettino valanghe per la stagione invernale 2019/2020

5 maggio 2020

Il mese di maggio è iniziato con nuove nevicate, sopra i 2000-2200m, che hanno interessato soprattutto i settori di confine nordoccidentali e settentrionali. I quantitativi più consistenti di neve fresca sono stati registrati su Alpi Pennine e Alpi Graie con valori medi di 10-30 cm e valori puntuali superiori ai 50 cm oltre i 2400 m.

Le nuove precipitazioni, accompagnate da venti moderati da sud, hanno determinato la ripresa dell’attività valanghiva spontanea con valanghe di piccole e medie dimensioni, sia di superficie che di fondo. Si sta assistendo ad un progressivo consolidamento della nuova neve, ma saranno ancora possibili isolate valanghe di medie dimensioni a lastroni da vento oltre i 2600-2700m e di neve bagnata sotto i 3000-3200m in corrispondenza dei versanti rocciosi ripidi e maggiormente soggetti all'azione del sole.

Sui settori interessati marginalmente dalle ultime nevicate la perdita di stabilità del manto nevoso è legata al riscaldamento diurno e sono possibili piccole valanghe di neve bagnata dai ripidi pendii non ancora scaricatisi.

Con oggi si conclude l'emissione del bollettino valanghe per questa stagione invernale; gli aggiornamenti su innevamento e attività valanghiva proseguono con la pubblicazione di note informative previste ogni venerdì di maggio e in occasione di nevicate significative, disponibili agli stessi link del bollettino valanghe.

archiviato sotto: , , ,

 

 

 

 

 

Abbiamobisognodite

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it