Settimana del Pianeta Terra: i rischi naturali in Piemonte

16 ottobre 2014

L’attività sismica, seppur debole, del Piemonte ci dice che la crosta terrestre sotto i nostri piedi continua a muoversi. I rilievi sono in lento e costante sollevamento e le spinte verso l’alto rendono instabili i territori in montagna e in collina, alla ricerca di un insperato equilibrio. E le vallate percorse da fiumi e torrenti mutano fisionomia dopo ogni piena o alluvione.

Il filmato di oggi è dedicato al monitoraggio delle frane, esempio di come l'uomo cerca di comprendere e gestire i rischi naturali di origine geologica. L’obiettivo del monitoraggio è la riduzione del rischio connesso alla frana, ottenibile tramite una migliore comprensione della geometria e dello stato di attività del fenomeno. Il monitoraggio fornisce in questo modo indicazioni utili ai fini della pianificazione territoriale, favorisce inoltre la corretta progettazione di interventi di mitigazione e sistemazione sui versanti e, una volta che questi sono realizzati, ne può verificare l’efficacia. Costituisce, inoltre, un valido supporto ad eventuali azioni di Protezione Civile.


I rischi naturali in Piemonte: quando i processi geologici incontrano l’uomo!

 

Maggiori informazioni
- Settimana del Pianeta Terra
- Monitoraggio frane di Arpa Piemonte
- Dipartimento Tematico Geologia e Dissesto
- Portale dei Rischi Naturali di Arpa Piemonte

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it