Odori a Genola: trovata e rimossa la causa

10 gennaio 2019
Arpa Piemonte, a seguito di richiesta di intervento del Sindaco del comune di Genola (CN) per segnalazione di odore acre persistente da alcuni giorni, ha effettuato il 7 gennaio scorso un sopralluogo individuando presso un'azienda agricola del territorio l'abbruciamento di un cumulo di letame dovuto, per quanto dichiarato dal titolare,  ad un fenomeno di autocombustione causato dalla fermentazione di erba medica in deposito presso la platea impermeabilizzata per lo stoccaggio dei letami aziendali.

 

All'atto del sopralluogo l'odore era appena percepibile poichè il fenomeno si stava esaurendo. L'azienda stava provvedendo, con pala meccanica, ad allargare il cumulo del letame per agevolare le operazioni di spegnimento. Nel corso del sopralluogo non si è rilevata attività di abbruciamento di rifiuti.

 

L'8 gennaio, in occasione di un nuovo sopralluogo, il cumulo risultava ormai spento.
La molestia olfattiva generata dal fenomeno descritto è risultato acuito dalle condizioni di alta pressione e di grande stabilità atmosferica perduranti sulla nostra regione dalla fine dell'anno 2019. In tali condizioni, le molecole odorose generatesi sono soggette a fenomeni di diluizione e dispersione atmosferica molto limitati, in particolar modo durante la notte e al primo mattino, risultando quindi presenti in concentrazioni più elevate e maggiormente percepibili dalla popolazione residente.
archiviato sotto: , , , ,

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it