Monitoraggio acque sotterranee – piezometri e pozzi Solvay (aree interne ed esterne): composti organoalogenati. Aggiornate le mappe

26 ottobre 2021

Interno stabilimento

A giugno 2021, all’interno dello stabilimento, nel livello più superficiale dell’acquifero (livello A), si registra il superamento delle concentrazioni obiettivo di bonifica sito specifiche (Concentrazione Soglia di Rischio - CSR) in alcuni piezometri in relazione ai parametri Cloroformio, Tetracloruro di Carbonio, Tricloroetilene (in un solo punto).

Per quanto concerne gli altri parametri monitorati, il Triclorofluorometano, presente in alcuni piezometri in concentrazione dell’ordine delle centinaia di µg/l, non supera la Concentrazione Soglia di Rischio approvata con l’analisi di rischio.

Si è registrata inoltre la presenza di Diclorofluorometano (valore massimo di 73 µg/l), per il quale la normativa non stabilisce alcun limite di riferimento.

In alcuni piezometri interni si è registrato il superamento delle Concentrazioni Soglia di Contaminazione (CSC) stabilite dal D.lgs. 152/2006 per i parametri Bromoformio, Dibromoclorometano e Bromodiclorometano, per i quali non sono state calcolate le CSR sito-specifiche. Tali risultati saranno approfonditi nella prossima campagna di monitoraggio.

Relativamente al livello intermedio dell’acquifero (livello B), i tre piezometri monitorati da Arpa hanno fatto registrare concentrazioni superiori alle Concentranzioni Sogli di Contaminazione fissate dal D. Lgs. 152/06 e s.m.i. per i parametri Cloroformio e Tetracloruro di Carbonio; sono inoltre presenti il Triclorofluorometano (in concentrazione superiore al limite di 0,15 µg/l) ed il Diclorodifluorometano (per il quale la normativa non stabilisce alcun limite di riferimento).

Relativamente al livello più profondo dell’acquifero (livello V), il piezometro monitorato da Arpa ha restituito concentrazioni inferiori alle Concentrazioni Soglie di Contaminazione  fissate dal D. Lgs. 152/06 e s.m.i.. per tutti i composti organo alogenati determinati.

 

Area esterna

All’esterno del Polo Chimico, nel livello più superficiale dell’acquifero (livello A), si rileva la presenza di composti organo alogenati (Cloroformio, Tetracloruro di Carbonio, Tetracloroetilene, Tricloroetilene, 1,1-Dicloroetilene, 1,1,2,2-Tetracloroetano, Bromoformio, Dibromoclorometano, Bromodiclorometano) in concentrazioni superiori ai limiti (CSC o valori fissati da pareri ISS -  Istituto Superiore di Sanità). Si registra, inoltre, la presenza di Triclorofluorometano e Diclorodifluorometano. Nel piezometro di monte idrogeologico non si rilevano concentrazioni superiori alle CSC.

Relativamente al livello intermedio dell’acquifero (livello B), il piezometro monitorato da Arpa mostra la presenza di diversi composti organo alogenati in concentrazioni superiori ai limiti (CSC o valori fissati da pareri ISS).

Le carte sono rappresentative dei valori riscontrati da Arpa per i composti Tetracloruro di Carbonio e Cloroformio.

 

archiviato sotto: , , ,

 

 

 

 

 

Abbiamobisognodite

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it