Maltempo: situazione di criticità ordinaria

28 novembre 2012

La perturbazione che ha colpito la regione in questi giorni continuerà ad apportare precipitazioni intense e persistenti per tutta la giornata odierna.

In relazione alla temporanea attenuazione del fenomeno nella notte scorsa, il livello di attenzione emesso da Centro Funzionale per il rischio idrogeologico ed idraulico di Arpa, per le prossime 24 ore, è di ordinaria criticità su tutto il territorio regionale.

 

Le precipitazioni massime registrate da inizio evento sono le seguenti: 195 mm a Pallanza (VB) , 170 mm a Borgosesia (VC), 188 mm a Trivero (BI), 136 a Piano Audi (TO)  111 mm a Piaggia (CN), 85 mm ad Ovada (AL).  I livelli idrometrici dei corsi d’acqua principali e secondari sono in crescita, ma sono ovunque al di sotto della soglia di attenzione.

 

Sono ancora attese precipitazioni intense per le prossime 12 ore con valori forti nella fascia pedemontane e le pianure adiacenti. A partire dalla mattinata di giovedì le piogge sono previste in attenuazione ed in esaurimento dal pomeriggio.

La quota delle nevicate rimarrà pressoché stazionaria intorno ai 1200-1300 m con valori localmente inferiori nel cuneese.

 

Le precipitazioni nevose iniziate nel tardo pomeriggio di lunedì hanno apportato complessivamente a 2000 m di quota 70-100 cm di neve fresca sui settori alpini settentrionali, 50-60 cm su Alpi Graie, 20-30 sulle Cozie Nord e 30-50 dalle Alpi Cozie Sud alle Alpi Liguri. E’ stata registrata una diffusa attività valanghiva spontanea su tutti i settori con valanghe di piccole e medie dimensioni, di neve a debole coesione umida, di superficie su pendii a tutte le esposizioni oltre i 1800-2000 m.

 

Continua la vigilanza meteoidrologica da parte del Centro Funzionale in conseguenza della situazione di ordinaria criticità  fino alla giornata di domani.

archiviato sotto: , , , , ,

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it