Lo Stato dell’Ambiente in Piemonte 2015: ecogestione

13 ottobre 2015

Come ogni anno nel mese di ottobre i riflettori sono puntati sull'Ecolabel, l'eco-etichetta dell'Unione Europea a cui Arpa dedica numerose iniziative.

LA SITUAZIONE IN SINTESI

La diffusione degli strumenti volontari per la gestione della sostenibilità nelle aziende è un buon indicatore per monitorare la vitalità della green economy su un territorio. Alla crescente sensibilità dei cittadini per un consumo sano e responsabile, il mercato risponde con sistemi di etichettatura ecologica e di gestione ambientale. Il legislatore nazionale e regionale, infine, ha iniziato a valorizzare le aziende con sistema di gestionale ambientale certificato, attraverso apposite semplificazioni normative e agevolazioni economiche.

I principali strumenti volontari di ecogestione sono:

  • Ecolabel europeo per i prodotti/servizi
  • EMAS (Eco Management and Audit Scheme) per le organizzazioni,
  • Appalti verdi (Green Public Procurement) per le pubbliche amministrazioni

 

SISTEMI DI ETICHETTATURA ECOLOGICA

ecolabel.jpegL'Ecolabel UE (Regolamento CE n. 66/10) è il marchio volontario dell'Unione europea di qualità ecologica che premia i prodotti e i servizi che hanno un ridotto impatto ambientale lungo l’intero ciclo di vita. Sono 343 le licenze Ecolabel UE attualmente in vigore in Italia, per un totale di 19.387 prodotti/servizi etichettati, distribuiti in 18 gruppi di prodotti. Il gruppo di prodotti con il maggior numero di licenze Ecolabel UE in Italia rimane il “servizio di ricettività turistica” con 183 licenze seguito da quello relativo al “tessuto carta” con 34 licenze e il “servizio di campeggio” (24 licenze).

In Piemonte le licenze Ecolabel sono 28, suddivise alla pari tra Prodotti e Servizi e nel 2014 si situa al 6° posto, seguito dalla Lombardia in cui però non sono ancora presenti strutture turistiche certificate.


EMAS

emas.jpgIl Sistema comunitario di ecogestione e audit EMAS è un sistema volontario (definito nel Reg. Ce 1221/2009) destinato alle imprese e alle organizzazioni che desiderano impegnarsi nel valutare e migliorare la propria efficienza ambientale.

A livello nazionale, i settori più rappresentati sono: rifiuti, pubblica amministrazione, energia e industria alimentare. Il Piemonte si situa al quinto posto - con 91 organizzazioni Emas - dopo Lombardia, Emilia Romagna, Trentino Alto Adige e Toscana e rappresenta circa il 9% del totale delle organizzazioni registrate Emas in Italia.

La maggior parte delle organizzazioni registrate è situata nelle province di Cuneo e di Torino e riguarda principalmente la Pubblica Amministraazione.

 

ACQUISTI VERDI

Gli Acquisti Verdi sono definiti dalla Commissione europea come “l’approccio in base al quale le Amministrazioni Pubbliche integrano i criteri ambientali in tutte le fasi del processo di acquisto, incoraggiando la diffusione di tecnologie ambientali e lo sviluppo di prodotti validi sotto il profilo ambientale, attraverso la ricerca e la scelta dei risultati e delle soluzioni che hanno il minore impatto possibile sull’ambiente lungo l’intero ciclo di vita”.
Attraverso gli acquisti verdi (GPP) le pubbliche amministrazioni possono conseguire diversi obiettivi tra i quali:

  • efficienza e risparmio nell’uso delle risorse, in particolare dell’energia e conseguente riduzione delle emissioni in atmosfera e in particolare di CO2;
  • riduzione dell’uso di sostanze pericolose;
  • riduzione quantitativa dei rifiuti prodotti.

In provincia di Torino, dal 2003 il progetto APE (Appalti Pubblici Ecologici) è in grado di monitorare l’impegno degli enti pubblici aderenti (43 enti) nel campo degli appalti pubblici ecologici. Nel 2013, grazie al progetto APE, considerando solo il servizio di fornitura di energia elettrica, attrezzature elettroniche e di autoveicoli, è stata evitata l’emissione di circa 25.200 tonnellate di CO2 equivalente per la sola fase di utilizzo.

In base ai calcoli effettuati (considerando tutti i sottoscrittori del Protocollo APE) si può affermare che la quantità di plastica totale risparmiata per l’anno 2014 è stata pari a 625 tonnellate, mentre la CO2 evitata è di 3.822 tonnellate.

ARPA più SOSTENIBILE

Arpa Piemonte oltre a monitorare le pressioni ambientali monitora anche se stessa.

logoArpaPiuSostenibile_def.jpgDa diversi anni è impegnata a ridurre i propri impatti ambientali e favorire comportamenti sostenibili dei propri dipendenti. Il progetto Arpa più sostenibile ha definito obiettivi su acquisti, consumi energetici, riduzione dell’uso della carta e promozione della mobilità sostenibile.

Arpa Piemonte recentemente è stata premiata al Forum Internazionale BuyGreen, che si propone come riferimento delle politiche ambientali di incentivazione degli Acquisti Verdi quali strumenti chiave per il consumo e la produzione sostenibili, in grado di orientare la domanda e l’offerta verso beni e servizi a ridotto impatto ambientale.

Arpa è stata premiata con una "menzione" per la strategia di gara adottata per il servizio mensa della sede di Torino, che valorizzava le offerte di elevata qualità ambientale stimolando la competitività del mercato sugli aspetti di sostenibilità

 

Indicatori ambientali

home indicatoriConsulta gli indicatori alla pagina
http://www.arpa.piemonte.it/reporting/indicatori-on_line/sostenibilita

 

 

 


Alcuni approfondimenti a siti esterni

http://www.regione.piemonte.it/ambiente/tutela_amb/strumenti.htm
http://ec.europa.eu/environment/emas/index_en.htm
http://ec.europa.eu/environment/ecolabel/index_en.htm

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it