Le attività di Arpa Piemonte sul termovalorizzatore del Gerbido

20 marzo 2019

Il termovalorizzatore del Gerbido (TO) è entrato in funzione nell'aprile del 2013.

Arpa Piemonte è impegnata, fin da prima dell’entrata in funzione, nel monitoraggio delle emissioni, nella sorveglianza della componente ambientale e nella sorveglianza sanitaria per valutare eventuali effetti avversi sulla salute nella popolazione residente nelle aree circostanti l’impianto.

Le attività relative alla sorveglianza sanitaria di cui è responsabile Arpa Piemonte sono:

- Studio epidemiologico degli effetti sulla salute a breve termine, con particolare attenzione a ricoveri ospedalieri per cause respiratorie e cardiovascolari e il monitoraggio degli esiti riproduttivi (basso peso alla nascita, malformazioni congenite). I risultati di questo approfondimento sono stati già presentanti pubblicamente nel corso del 2018.

- Studio epidemiologico degli effetti sulla salute a lungo termine: monitoraggio delle patologie tumorali mediante analisi della mortalità e dei ricoveri ospedalieri – studio ancora in corso.

- Monitoraggio tossicologico mediante misura di biomarker di esposizione: misura ex ante ed ex post di biomarker (marcatori: PCDD/PCDF (diossine e furani), PCB (policlorobifenili), metalli pesanti, IPA, ormoni tiroidei) di interesse tossicologico su campioni biologici in un campione di popolazione residente nell’area di ricaduta delle emissioni. Sono state coinvolte l’ASL TO1 e l’ASL TO3. La valutazione ex ante si è realizzata nel periodo  giugno-dicembre 2012 e la valutazione ex post nel 2017.

Altrettanto numerose e puntuali le attività che Arpa svolge in termini di controlli a camino, di controllo in aria ambiente e di controlli da remoto delle emissioni dell’inceneritore.  Da quando l’inceneritore è in funzione Arpa Piemonte ha controllato centinaia di parametri sia con strumentazione automatica che con analisi di campioni in laboratorio.
Sono stati pubblicati report riassuntivi sui dati emissivi sia sul sito internet dell'Agenzia che sul sito del Comitato Locale di Controllo.

L'eventuale presenza di radioattività nelle emissioni dell'inceneritore è monitorata sistematicamente dall'Agenzia mediante misure di spettrometria gamma sul particolato atmosferico campionato presso il sito di Beinasco. Arpa ha inoltre contribuito alla stesura di  un protocollo di monitoraggio preventivo della radioattività dei carichi e di gestione degli allarmi presso l'impianto condiviso con Città Metropolitana, Prefettura e ASL competente.

Periodicamente vengono effettuate attività di vigilanza e controllo della radioattività sul sito.

L’esito dei monitoraggi sulle emissioni e i risultati del monitoraggio tossicologico relativo alla presenza di diossine e PCDF/PCB su campioni biologici della popolazione, nonché i dati emissivi dell’inceneritore ed i controlli di Arpa relativi al  2018 e ai primi mesi del 2019, verranno presentati in un’assemblea pubblica del Comitato Locale di Controllo del termovalorizzatore stasera 20 marzo 2019 alle ore 20.30, presso la Cascina Roccafranca via Rubino 45 – Torino  

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it