La qualità dell’aria nei capoluoghi piemontesi nei primi due mesi del 2017

2 marzo 2017

Ad oggi i livelli misurati del PM10 nel primo bimestre del 2017, dati da considerare indicativi in quanto non ancora sottoposti a certificazione, evidenziano, a differenza dell’anno passato, la presenza di alcune stazioni con più di 35 giorni di superamento del valore limite giornaliero per la protezione della salute o comunque prossime a 35 giorni.

Il valore limite giornaliero, pari a 50 µg/m3 da non superare in più di 35 giorni per anno civile, è stato già superato nel capoluogo di regione mentre negli altri la situazione è migliore, in particolare nei capoluoghi pedemontani delle Province di Biella, Cuneo e VCO, mentre negli altri capoluoghi il numero di superamenti è prossimo al trentacinquesimo giorno.

A Biella – Sturzo i superamenti hanno interessato 12 giorni, a Cuneo - Alpini 9 giorni e a Verbania solo 7 giorni.

A Torino la stazione con il maggior numero di superamenti è quella di Torino – Rebaudengo con 45 giorni di superamento, seguono altre due stazioni Torino – Grassi e Torino – Rubino con rispettivamente con 36 e 38 giorni.

Nelle stazioni di traffico degli altri capoluoghi la situazione è la seguente: ad Asti – Baussano il numero di giorni di superamento è pari a 35, ad Alessandria – D’Annunzio e a Vercelli – Gastaldi è pari a 33 giorni mentre a Novara – Roma ha raggiunto i 22 giorni di superamento.

 Grafico dati pm10 gennaio febbraio

Nel grafico è riportato il numero dei giorni di superamento del valore limite giornaliero, pari a 50 µg/m3 da non superare per più di 35 giorni per anno civile, misurato nelle stazioni del singolo capoluogo.

Se nel capoluogo sono presenti più punti di misura il dato è riferito al valore più elevato

archiviato sotto: , , , ,

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it