Incendio a Frossasco - Aggiornamento monitoraggio ambientale

5 aprile 2019

L’incendio può considerarsi estinto per circa la metà del materiale, grazie alle operazioni di spegnimento e smassamento effettuate. Nella parte restante, riguardante il lato nord e il lato nord est dell’azienda permangono grossi cumuli in fase di forte combustione; su questi ultimi sono concentrate le azioni di VVF e mezzi aziendali, che proseguono con le stesse procedure utilizzate sulla massa già spenta.

Nella giornata di ieri, dalle ore 9.30 alle ore 14.00, è proseguito il monitoraggio dell’aria all’esterno dell’impianto industriale utilizzando la strumentazione da campo già utilizzata c/o i siti riportati nella tabella 1.

Tutti i monitoraggi hanno confermato valori di VOC (carbonio organico volatile) sotto la soglia di 1 ppm. Solo all’interno dell’azienda, in zone prossime all’incendio e investite dal fumo si sono misurati valori di 0,35-05 ppm. Per quanto riguarda tutti gli altri inquinanti, come accertato nelle giornate precedenti, la soglia di sensibilità degli strumenti non è mai stata superata.

In tabella1 viene riportato il dettaglio dei valori riscontrati relativo ai VOC, mentre nella tabella 2 sono indicati tutti gli altri inquinanti.

Si osserva che laddove sono indicati limiti, questi si riferiscono ad ambienti di lavoro e quindi ad esposizioni professionali di lavoratori sani per 8 ore/giorno e per l’intero anno solare. Tali valori sono quindi stati inseriti al solo scopo di fornire elementi di raffronto, non esistendo limiti normativi in aria ambiente esterno per tali tipi di inquinanti

Tabella 1: valori VOC misurati dalle ore 10.30 alle 14.00 del 04/04/2019

Comune

Località

concentrazione VOC   (ppb)

Frossasco

Interno ditta

350-500

Plesso scolastico

1

Rotonda angolo via Torino – via Bivio

3-5

Case a ridosso del lato ovest della ditta

0-2

Centro di Frossasco

0-2

Roletto

Centro

--

Cantalupa

Piazzetta centrale

0-1

rilevabilità 1 ppb (parti per miliardo)

Tabella 2: valori di varie sostanze misurate nei siti sopra considerati dalle ore 9.30 alle 14.00 del 04/04/2019

Inquinante

Valori Misurati

Limite di rilevabilità

strumentale

TLV-STEL

(ppm)

TLV-TWA

(ppm)

TLV-ceiling

(ppm)

Valore limite aria

ambiente D.lgs 155/2010

(ppm)

Acido cianidrico

< 0,1 ppm

0.1 ppm

-

-

4,7

-

Monossido di carbonio

< 1 ppm

1 ppm

-

25

-

11,6 come media su otto ore consecutive

Metano

< 0.1ppm

0.1 ppm

-

1000

-

-

Cloro

< 0,2 ppm

0.2 ppm

1

0.5

-

-

Ammoniaca

< 1 ppm

1 ppm

35

25

-

-

Biossido di carbonio

< 2000ppm

2000 ppm

30.000

5000

-

-

Fosfina

< 0.01 ppm

 0.01 ppm

1

0.3

-

-

Solfuro di idrogeno

< 1 ppm

1 ppm

5

1

-

-

Particolato atmosferico (PM10)

Sono riportati in tabella ed illustrati nel grafico i dati di particolato atmosferico nelle stazioni di misura della rete regionale di rilevamento della qualità dell’aria gestita da Arpa Piemonte. Le stazioni analizzate sono quelle potenzialmente coinvolte nelle ricadute (Pinerolo e Beinasco), confrontate con stazioni di riferimento in aree del territorio provinciale non immediatamente interessate (Leini: Fondo urbano, Torino Rebaudengo: traffico) e con la stazione di Torino Rubino (fondo urbano) che è la stazione dell’agglomerato urbano torinese più prossima alla stazione di Beinasco

Data

Beinasco (TRM)  Aldo Mei

Leini'(ACEA) - Grande Torino

Pinerolo Alpini

Torino Rebaudengo

Torino  Rubino

15/03/2019

10

18

11

31

 

16/03/2019

19

28

18

41

 

17/03/2019

24

23

18

28

 

18/03/2019

6

10

6

19

 

19/03/2019

12

14

12

16

9

20/03/2019

22

26

15

25

22

21/03/2019

33

34

18

36

32

22/03/2019

42

50

19

50

39

23/03/2019

48

37

26

44

47

24/03/2019

47

40

20

37

48

25/03/2019

41

34

24

49

38

26/03/2019

18

19

26

31

17

27/03/2019

19

28

17

37

 

28/03/2019

33

37

37

43

 

29/03/2019

41

43

32

41

40

30/03/2019

42

41

33

48

41

31/03/2019

54

28

28

42

40

01/04/2019

52

48

31

66

47

02/04/2019

65

59

32

76

 

03/04/2019

29

18

19

25

 

 Limite giornaliero protezione della salute (50 µg/m³)
Nota: dati validati ed espressi in µg/m³

Il giorno in cui è iniziato l’incendio, la concentrazione di particolato atmosferico è cresciuta nella stazione di Pinerolo, che è la più prossima al sito, ma tale andamento è stato comune in tutte le stazioni di misura, compresa quella presa a riferimento nell’area opposta del territorio provinciale e non coinvolta nella ricaduta dei fumi (Leini) e pertanto tale andamento è sostanzialmente da attribuire a fenomeni metereologici tali da favorire l’accumulo al suolo dei contaminati ambientali.

Nei giorni successivi l’andamento è rimasto sostanzialmente uniforme in tutte le stazioni, con l’esclusione della stazione di Beinasco che ha evidenziato un aumento graduale delle polveri dal 28 al 31 che non si è riscontrato nelle altre centraline e che quindi potrebbe essere quella più coinvolta dalla ricaduta e in quella di Pinerolo ove si è osservato una diminuzione della concentrazione di particolato

Nel grafico è stata inserita anche la stazione di Torino Rubino (fondo urbano) che è la stazione dell’agglomerato urbano torinese più prossima alla stazione di Beinasco, i cui dati però nei giorni 27 e 28 marzo non erano presenti mal funzionamento tecnico. I dati nei giorni successivi non evidenziano però un contributo dell’incendio alla concentrazione di particolato e rientrano sempre nei limiti normativi.

La stazione di Pinerolo anche nei giorni successivi all’incendio presenta valori inferiori al limite di legge, sostanzialmente contenuti e in diminuzione.

Il giorno 2 aprile si è riscontrato un generalizzato aumento delle concentrazioni di particolato in tutte le stazioni di misura dell’area metropolitana, che ha coinvolto seppur in maniera limitata la stazione di Pinerolo.

Nella giornata di mercoledì 3 aprile le precipitazioni atmosferiche, hanno provocato in tutte le stazioni di misura una significativa diminuzione della concentrazione del particolato atmosferico che è rientrata ovunque sotto il limite giornaliero di protezione della salute.

Non si evidenzia quindi un contributo significativo dell’incendio alla concentrazione di particolato nell’area prossima al sito.
Tabella PM10

 

archiviato sotto: , , ,

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it