Giorni di attività temporalesca in Piemonte. Allerta gialla nel pomeriggio e sera su verbano, biellese, alto vercellese e novarese

25 giugno 2020

Una circolazione depressionaria con minimo localizzato tra Austria, Baviera e Repubblica Ceca ha convogliato aria fresca instabile in quota nella serata di ieri mercoledì 24 giugno sul territorio piemontese, favorendo lo sviluppo di temporali sui settori montani e pedemontani alpini. I picchi più elevati si sono verificati in due località situate in provincia di Verbania, Arvogno e Larecchio, a causa di una convergenza dei venti e della presenza dell’umidità dall’evaporazione dell’acqua del Lago Maggiore.

Nella tabella sottostante sono indicati i picchi precipitativi più significativi registrati per due diverse durate orarie.

Intervallo temporale (ore)

Giorno

Ora (UTC)

Località

Valore (mm)

1

24-Giu-2020

24-Giu-2020

18:50

18:30

Arvogno (VB)

Larecchio (VB)

80.0

48.7

3

24-Giu-2020

24-Giu-2020

20:20

20:20

Arvogno (VB)

Larecchio (VB)

107.8

102.3

 

I valori registrati ad Arvogno in  1 e 3 ore rappresentano il record assoluto per il sensore pluviometrico su tali intervalli orari; primato anche per la precipitazione in 3 ore a Larecchio.

Nel pomeriggio e nella serata odierni la depressione farà nuovamente affluire aria fresca in quota sul Piemonte, attivando la formazione di temporali, inizialmente sui rilievi alpini, in successiva estensione alle zone pianeggianti adiacenti. I picchi più intensi sono attesi sui settori più prossimi al minimo barico, quindi verbano, biellese, alto vercellese e novarese. Su queste zone è stata emanata un’allerta gialla per temporali per oggi, per possibili allagamenti, fulmini e forti raffiche di vento in prossimità dei fenomeni più intensi. Non si esclude tuttavia che i fenomeni temporaleschi, anche se di intensità più moderata, possano manifestarsi anche su torinese, cuneese ed astigiano.

Domani la depressione risalirà verso nord localizzandosi sulla Polonia, tuttavia sul Piemonte persisteranno condizioni di instabilità atmosferica a causa dell’approssimarsi di una saccatura atlantica all’arco alpino. I temporali sono attesi meno intensi in quanto la progressione verso est della saccatura sarà bloccata da un’area di alta pressione presente tra Mediterraneo ed Europa orientale.

Instabilità ancora sabato, mentre domenica si assisterà ad un rialzo dei valori di pressione.

archiviato sotto: , , , , ,

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it