Forte pericolo valanghe sulle zone di confine delle Alpi Pennine, Cozie e Marittime

18 marzo 2013

Nuove nevicate hanno apportato complessivamente, fino alla mattinata di lunedì 18 marzo, 50-70 cm di neve fresca sulle zone di confine delle Alpi Pennine e Cozie; 30-50cm su Alpi Marittime, Liguri e settori prealpini delle Alpi Pennine e Cozie. Sulle Alpi Lepontine e Graie i quantitativi registrati sono stati minori, prossimi ai 20-30 cm,  ad eccezione dell’Alta valle Orco dove sono caduti fino a 50-60 cm di neve fresca oltre i 2000 m di quota.
Già nella mattinata odierna, nelle zone maggiormente colpite dalle precipitazioni, sono state segnalate valanghe spontanee di neve a debole coesione e a lastroni di medie dimensioni.

A fine nevicata, l'instaurarsi di forti venti di fohen, determinerà la formazione di accumuli in quota, mantenendo un grado di pericolo valanghe pari a 4-forte sulle zone di confine della Alpi Lepontine, Cozie e Marittime dove saranno possibili distacchi di valanghe a lastroni anche di grandi dimensioni. Sulle restanti zone permarrà un grado di pericolo 3-marcato.

Per ogni attività all’aperto in zone montane innevate si consiglia di consultare il Bollettino Valanghe.

Contenuti correlati
bollettino_valanghe.pdf
archiviato sotto: , , ,

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it