Condizioni di tempo instabile nel fine settimana. Pericolo valanghe in aumento

2 marzo 2018

Sulla nostra regione continuano le condizioni di tempo instabile a causa del susseguirsi di una serie di sistemi perturbati, sospinti verso est da una vasta area presente sull’Atlantico. Nel dettaglio, dopo la tregua pomeridiana, domani mattina è atteso un nuovo e modesto sistema frontale, che transiterà sul Piemonte originando deboli precipitazioni a carattere nevoso sul cuneese, astigiano e alessandrino e pioggia mista neve sul resto delle pianure; nevicate al più moderate sui rilievi. Nella mattinata saranno possibili locali episodi di pioggia congelante a causa dell’aria fredda ancora presente su parte delle pianure.

In seguito temporaneo miglioramento dal pomeriggio di sabato che durerà fino alla mattinata di domenica; con foschie e locali banchi di nebbia in formazione nelle ore più fredde.

Pericolo valanghe

Le condizioni di pericolo valanghe odierne, e previste per il fine settimana, risultano estremamente variabili in relazione all'evoluzione delle condizioni meteorologiche. Il marcato rialzo termico in atto determina un repentino aumento dell'instabilità superficiale. Sono attese molte valanghe spontanee di piccole e medie dimensioni in relazione ai quantitativi di nuova neve registrati nel corso della settimana. Sui settori meridionali, dati i maggiori quantitativi di neve registrati, non si escludono locali valanghe di grandi dimensioni che potrebbero interessare le zone di fondovalle. Le escursioni in ambiente innevato, così come le discese fuori pista richiedono un'attenta pianificazione dell'itinerario e una grande capacità di valutazione locale del pericolo valanghe, in quanto la possibilità di provocare valanghe a lastroni è legato al passaggio del singolo sciatore.

archiviato sotto: , , , , ,
Archivio Notizie

2017

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it