Aggiornamento sulle condizioni della neve in Piemonte

15 novembre 2019

La perturbazione che ha interessato il Piemonte nelle ultime 24 ore ha depositato notevoli quantitativi di neve fresca, in presenza di intensa ventilazione da SE. La quota neve è stata indicativamente sui 400-600m, con quote inferiori nel nord Piemonte e quote superiori sulle Alpi Cozie. Nelle zone maggiormente interessate si misurano 5-10cm di neve già a partire dai 500-600m, che aumentano rapidamente per raggiungere i valori massimi fra i 1300 e i 2300m; sopra tali quote i quantitativi sono minori a causa del vento che ha spazzato e rimaneggiato la neve fresca. Gli apporti massimi di nuova neve, intorno al metro, si misurano sulle Alpi Graie al confine con la Valle D'Aosta, con valori di poco inferiori (80-90cm) sul nord Piemonte, 60-80cm sulle Alpi Marittime, 30-50cm sulle Alpi Cozie.

im_nota1.png

 

Sono ancora da aspettarsi valanghe di medie dimensioni, anche di grandi dimensioni nelle zone dove gli accumuli sono maggiori, lungo i percorsi abituali, che possono raggiungere le quote di media montagna. Per le escursioni in ambiente innevato è richiesta una grande capacità di valutazione locale del pericolo valanghe. La formazione di crepe e i "whoom" di assestamento sono segnali di pericolo da valutare con attenzione.

 

Per maggiori dettagli potete consultare la nota informativa.

archiviato sotto: , , ,

via Pio VII, 9 - 10135 Torino - tel. 011 1968 0111 fax 011 1968 1471 - Partita IVA 07176380017 - protocollo@pec.arpa.piemonte.it